23 febbraio 2017

Una donna di 35 anni, vedova da un anno dopo il suicidio del marito, è stata fermata con l’accusa di duplice tentato omicidio e incendio: avrebbe tentato di uccidere i due figli di 13 e 10 anni a Genova.

Sabato scorso si è verificato un incendio in un appartamento nel quartiere Foce di Genova. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e i sanitari del 118 che hanno tratto in salvo tre persone rimaste ferite, una donna di trentacinque anni e i suoi due bambini di tredici e dieci anni. Ora la donna è stata sottoposta a fermo con l’accusa di duplice tentato omicidio e incendio. Sarebbe stata lei, secondo quanto ricostruito dalle indagini di questi giorni, a dare fuoco alla casa in cui vive con i due figli. Secondo gli agenti della squadra mobile, coordinati dal pm Francesco Cardona Albini, la trentacinquenne aveva comprato alcune bombolette di gas e una cucina da campeggio e sabato mattina avrebbe dato fuoco alle bombolette causando l'esplosione e il rogo nella casa. A capire quanto stava accadendo sarebbe stato il bambino più grande che è riuscito a salvare il fratellino e la mamma.

Un anno fa il marito si era ucciso sul posto di lavoro dopo essere stato licenziato – La polizia ha ricostruito la dinamica di quanto accaduto grazie ai racconti dei vicini e ai frammenti delle bombolette volati in strada dopo l'esplosione. In particolare i vicini di casa, che avevano dato l’allarme, avrebbero raccontato che la donna, nonostante l’appartamento fosse invaso dalle fiamme, non voleva uscire e avrebbero inoltre parlato di un altro episodio simile avvenuto mesi prima. L’ipotesi di un gesto volontario ha preso quindi sempre più corpo, sostituendo quella iniziale di una fuga di gas. La donna, da parte sua, nega tutto. Dopo l’incendio di sabato aveva detto di non ricordare nulla. Attualmente è ricoverata all'ospedale San Martino e domani verrà interrogata dal gip Massimo Cusatti, che ha firmato il fermo. Da quanto è emerso, la trentacinquenne non si era più ripresa dalla morte del marito, avvenuta un anno fa. L’uomo si è suicidato sul posto di lavoro dopo essere stato licenziato.

Fonte: http://www.fanpage.it/cerca-di-uccidere-i-figli-incendiando-casa-un-anno-fa-aveva-perso-il-marito-morto-suicida/


Nessun commento:

Posta un commento

Print