25 giugno 2016

In realtà non erano amici, ma si trattava di prestazioni sessuali a pagamento. Inoltre, la sera dell'incontro a casa di lui, entrambi avevano consumato cocaina. Soprattutto, l'uomo intenzionato a pagare per avere un certo tipo di compagnia, non aveva tentato di violentare la sua ospite che conosceva da tempo. È stata una testimonianza fondamentale quella della prostituta che accusava l'imputato: davanti ai giudici ha ritrattato tutto.
È così che Paolo Talice, psicologo cinquantenne cagliaritano, finito in carcere nel 2013 e poi ai domiciliari per questa brutta storia, è stato scagionato da tutte le accuse. Ieri il professionista, difeso dagli avvocati Luca Pennisi e Laura Floris, è stato assolto con formula piena: «Il fatto non sussiste». Non ci fu alcun reato quindi, stando al verdetto pronunciato dal Collegio della seconda sezione penale presieduto da Massimo Poddighe: né quello di tentata violenza sessuale né quello di lesioni. Sì, perché la quarantenne, costituita parte civile con l'avvocato Maurizio Musu, aveva raccontato ai carabinieri di essere stata anche picchiata.


Nessun commento:

Posta un commento

Print