3 maggio 2016

Partorisce e brucia la figlioletta in un forno, poi getta il corpicino in un pozzo
Una donna russa è accusata di aver bruciato il corpo della sua bimba appena nata. Agli inquirenti ha detto di averlo fatto perché "non sarebbe mai stata una buona madre".



La polizia russa sta indagando su uno scioccante incidente avvenuto nel villaggio di Polina Osipenko nella regione di Khabarovsk Krai, nella parte orientale della Russia. Una donna di 33 anni, il cui nome non è stato rilasciato, appena divenuta madre, avrebbe gettato in un pozzo la sua bambina, non prima di averlo messo in una fornace per essere sicura di ucciderlo. La donna, come riporta il Daily Star, avrebbe dato alla luce la bambina in una casa mobile nei pressi di un centro di immagazzinamento e distribuzione.

Un portavoce della polizia ha detto: "La madre ha detto che ha deciso di uccidere la figlia quasi immediatamente, perché dubitava della sua capacità di essere una buona genitrice per la bambina”. Secondo la fonte, la bambina sarebbe morta quasi all’istante già per il calore del forno. “La sospettata ha poi tentato di sbarazzarsi delle prove, gettando il corpo della bambina in un pozzo nero pubblico” ha aggiunto il portavoce. Tuttavia, sarebbe stata colta in flagrante dai residenti locali che hanno informato la polizia dell'incidente. Non è ancora chiaro se saranno presi provvedimenti penali per la mamma oppure se verrà chiesta l'interdizione per problemi mentali.

link alla notizia:
http://www.fanpage.it/partorisce-e-brucia-la-figlioletta-in-un-forno-poi-getta-il-corpicino-in-un-pozzo/


Nessun commento:

Posta un commento

Print