15 luglio 2015

aggiornamento del 26 ottobre 2015
I carabinieri di Brindisi hanno arrestato quattro persone, due donne e due uomini, per tentata violenza sessuale di gruppo, sequestro di persona, lesioni gravissime, rapina e tentata violenza sessuale per una aggressione brutale in danno di un 25enne di Bari che avvenne a Francavilla Fontana (Brindisi).
Gli arrestati sono tutti assidui frequentatori di Rave Party. Il 25enne è stato ricoverato in gravi condizioni e ha rischiato di perdere la vista.
Dopo essere stato caricato a forza in auto e picchiato con calci, pugni e catene, fu rapinato e abbandonato nudo nella zona industriale di Francavilla. La spedizione punitiva sarebbe scattata per vendicare il presunto furto, durante un rave party organizzato in Puglia lo scorso luglio, di 20 francobolli contenenti droga del tipo Lsd. La banda di aggressori, una donna e due uomini, con la complicità di una 19enne del posto, ha adescato con l'inganno il 25enne barese e dopo averlo condotto in un casolare lo ha picchiato con calci, pugni, colpi di catena e morsi. I tre avevano con sé un pitbull e hanno anche tentato di violentare il giovane, al quale hanno provocato diverse fratture facciali, traumi anche alle orbite oculari e mutilazioni alle orecchie. Si sono fermati solo perché disturbati dal passaggio di alcune autovetture. La vittima è stata poi abbandonata in strada, nella zona industriale di Francavilla Fontana, dove alcuni passanti hanno segnalato ai carabinieri la presenza di un ragazzo nudo, in stato di incoscienza. Ora non è più in pericolo di vita.
Secondo quanto appurato dai carabinieri, coordinati dal pm Valeria Farina Valaori, si è trattato di una azione premeditata messa in atto da quattro giovani: oltre alla giovane brindisina usata come esca, - M. S., posta ai domiciliari - c'è un ventenne di Lecce - A. M., 20 anni detto 'Il diavolo', -; più due persone senza fissa dimora: una donna di 30, R. Z., detta 'Sprilly', e un uomo di 34 anni, A. G., detto 'Lampadina', entrambi originari della provincia di Rimini. Si trovano ora nel carcere di Brindisi.
I contatti fra i quattro sarebbero avvenuti su Facebook dove utilizzano i rispettivi soprannomi. Le indagini dei carabinieri - che non hanno potuto inizialmente contare sulle dichiarazioni della vittima, per via delle sue gravi condizioni di salute - sono state fatte attraverso le immagini di telecamere di sorveglianza e il confronto dei dati ricavati dai tabulati telefonici.

Fonte: http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/CRONACA/brindisi_25enne_picchiato_violentato_nudo_arresti/notizie/1642450.shtml


Nessun commento:

Posta un commento

Print