26 aprile 2015

Maria Boccasile, 26 anni, dipendente di una rosticceria, ha colpito al cuore il marito con un coltello. Il delitto é accasuto a Vidigulfo (Pavia), un comune del pavese.
Il marito Filippo Fortunati, muratore trentaquattrenne, é stato ricoverato al policlinico San Matteo di Pavia in gravissime condizioni.
Sembra che la moglie abbia agito in preda alla gelosia. Ora é in stato di fermo con l'accusa di tentato omicidio.
Fonte: http://www.ansa.it/lombardia/notizie/2015/04/27/accoltella-marito-per-gelosiagravissimo_3d5c818e-32fa-40a8-9a20-cf7a9f681cdb.html

Accecata dalla gelosia, ha accoltellato il marito, colpendolo al cuore con un coltello da cucina e riducendolo in gravissime condizioni.
E' accaduto a Vidigulfo (Pavia). Maria Boccasile, 26 anni, dipendente di una rosticceria, ha afferrato il coltello e si è scagliata contro il marito, Filippo Fortunati, trentaquattrenne muratore. L'uomo è però riuscito a trascinarsi fuori dalla sua abitazione e a chiedere aiuto ai vicini.
La donna è in stato di fermo. L'uomo è stato ricoverato nella rianimazione del policlinico San Matteo di Pavia: le sue condizioni sono molto gravi.
La moglie è stata fermata dai carabinieri con l'accusa di tentato omicidio. Secondo quanto raccontato agli investigatori, la donna avrebbe agito in preda alla gelosia.
http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/lombardia/pavia-accoltella-marito-per-gelosia_2108085-201502a.shtml

«Ho sentito suonare il campanello di casa ma non ho visto nessuno, poi ho sentito una voce che chiedeva aiuto e il cane che abbaiava». Sono parole di una vicina di casa di Filippo Fortunati, il muratore accoltellato dalla moglie Maria Boccasile domenica pomeriggio.
«Poi l’ho visto – continua il racconto della donna - e ha chiesto di mio figlio. Forse sapeva che faceva il soccorritore e ha pensato che potesse aiutarlo».
A questo punto Filippo Fortunati, ferito da una coltellata vicino al cuore, è stramazzato sul marciapiede di via Madonnina.
«Sono sceso in strada – spiega il vicino, che gestisce l’edicola del paese – e l’ho visto steso a terra. Ho subito pensato che fosse successo qualcosa di grave, anche se non perdeva molto sangue. Gli ho messo un cuscino sotto la testa e ho cercato di tamponare la ferita usando un asciugamano: aveva perso conoscenza.
Poi è arrivata una donna che gli ha praticato un massaggio cardiaco. E’ arrivata anche la moglie Maria che urlava: le abbiamo dovuto dire di allontanarsi». «Lui non si vedeva spesso in giro – spiega un’altra vicina – ma sapevamo che i litigi tra i due giovani coniugi erano frequenti».
http://laprovinciapavese.gelocal.it/pavia/cronaca/2015/04/27/news/filippo-ha-suonato-il-campanello-e-ha-chiesto-aiuto-1.11316657


Nessun commento:

Posta un commento

Print