13 gennaio 2015

Un'avvocatessa aveva fatto credere a una ricca famiglia di Milano di essere vicina alla 'ndrangheta: è stata arrestata dai carabinieri per estorsione. La professionista, 50 anni, era riuscita a portar via 300mila euro alle vittime utilizzando la minaccia dell'intervento di una fantomatica cosca calabrese.

I militari hanno eseguito l'ordine di carcerazione dopo la condanna in Cassazione a tre anni e otto mesi.
La storia inizia nel 2002, quando la famiglia con molte proprietà sparse in Lombardia ha un problema con un inquilino moroso a Milano. Chiede allora aiuto al custode affinché lo allontani e questo dopo un pò finge di aver portato a termine la missione. In realtà, l'inquilino ha abbandonato volontariamente l'appartamento.
A questo punto interviene l'avvocatessa del custode, B.R., che comunica alla famiglia di aver fatto da intermediario con la cosca per cacciare il moroso. Un intervento che deve essere pagato per non incorrere in ritorsioni.
La minaccia è così pressante che le vittime accettano di versare all'avvocato circa 300mila euro dal 2002 al 2005. Quando i liquidi iniziano a scarseggiare, nel 2009, scatta la denuncia che ha comportatao la condanna definitiva della donna. E oggi l'arresto per l'avvocatessa (il custode è risultato estraneo ai fatti)

Fonte: http://www.ilgiorno.it/milano/estorsione-avvocato-ndrangheta-1.572608


Nessun commento:

Posta un commento

Print