4 gennaio 2015

Bologna, lite familiare finisce in tragedia: donna uccide il marito nel sonno colpendolo con un vaso sulla testa

Una donna di 69 anni, Rosangela Piredda, ha ucciso verso le 2 della scorsa notte il marito, 68enne bolognese, dopo che si era appisolato. Lo ha colpito in testa con un vaso di cristallo dopo l'ennesima discussione familiare. È successo in via Panigale a Bologna.
È stata la donna, di origini cagliaritane, ad avvisare dell'accaduto il figlio, che, giunto sul posto, ha chiamato i carabinieri. La donna è stata arrestata per omicidio volontario. Presente sul posto anche il Pm della Procura di Bologna Simone Purgato.
Marito e moglie, a quanto si apprende, vivevano da circa dieci anni da separati in casa. Le indagini - coordinate dalla Procura di Bologna - sono condotte dai carabinieri di Borgo Panigale, guidati dal capitano della Compagnia, Walter Calvi.
La donna ha detto di aver subito maltrattamenti da parte dell'uomo, Roberto Belletti. Gli investigatori hanno ritrovato dei certificati del Pronto soccorso che parlano di tumefazioni, ma la donna ha sempre riferito di cadute accidentali, senza mai denunciare i presunti maltrattamenti. La 69enne è stata trasferita al carcere della Dozza.
link alla notizia:
http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/CRONACA/bologna_lite_familiare_donna_uccide_marito_nel_sonno/notizie/1100238.shtml


Nessun commento:

Posta un commento

Print