28 dicembre 2014

aggiornamenti del 29 dicembre
Secondo quanto riferito dagli inquirenti, la studentessa bocconiana lo scorso maggio diede appuntamento in centro a Milano ad un suo compagno di università con cui l’anno precedente aveva trascorso le vacanze al mare assieme ad un gruppo di amici. I due quella sera si appartarono in macchina nel parcheggio di un hotel e iniziarono a spogliarsi e a scambiarsi effusioni amorose. A un certo punto la ragazza avrebbe detto: “Chiudi gli occhi, ti devo dare un regalo”. Il ragazzo acconsentì ma quando li riaprì sorprese Martina Levato con un coltello in mano in procinto di evirarlo. Il giovane riuscì a proteggersi e fu ferito ad una mano, poi scappò chiedendo aiuto.
Sempre stando alle indagini, la giovane uscì anche lei dalla macchina e raccontò alle persone accorse in aiuto che era stato lui ad aggredirla e a costringerla a salire in auto con la forza. In Procura a Milano era già stato aperto un procedimento su quanto accaduto mesi fa e la ragazza risulterebbe indagata per lesioni. Ora quel fascicolo sarà riletto anche alla luce dell’aggressione del 28 dicembre.
http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-italia/martina-levato-giustiziera-di-maschi-prima-tentata-evirazione-poi-acido-a-ex-2061724/
Tra Martina Levato e Alexander Boettcher, 30 anni, gestore di un patrimonio immobiliare e sposato con una moglie ignara di tutto, si era creato un rapporto "morboso" e "totalitario" nell'ambito del quale i due avrebbero anche cercato di coinvolgere in una sorta di "triangolo amoroso malato" l'ex 'fidanzatino' di lei, Pietro Barbini, aggredito ieri con l'acido.
E' quanto hanno spiegato gli investigatori nel corso di una conferenza stampa in Questura. Dalle indagini condotte dall'Ufficio prevenzione generale della polizia, diretto da Maria Josè Falcicchia, e coordinate dal procuratore aggiunto Alberto Nobili e dal pm Marcello Musso, è emerso, infatti, che la giovane (quando frequentava il liceo Parini con lui era una sorta di studentessa 'modello') sei mesi fa circa aveva raccontato a Barbini tutta una serie di dettagli del suo rapporto 'borderline' con Boettcher.

28 dicembre 2014 - Si è presentato insieme al padre a un appuntamento per ritirare un pacco. Ma quando è arrivato sul posto, ad aspettarlo in strada, ha trovato una donna e un uomo: lei, la 23enne Martina Levato, con in mano un secchiello, gli ha gettato addosso dell’acido, ferendolo al volto e all’addome; mentre lui ha cercato di colpirlo con un martello, ma è stato bloccato dal padre.
L’aggressione è avvenuta a Milano, in via Giulio Carcano, zona sud-est, intorno alle 17 e 40. La vittima è un ragazzo di 22 anni, Pietro Barbini, che è stato ricoverato in codice giallo all’ospedale Niguarda. Oltre al volto e all’addome sono state riscontrate ferite minori anche alle mani e alle gambe. Le sue condizioni non dovrebbero però essere gravi. L’uomo che ha cercato di colpirlo a martellate è stato fermato dalla polizia. Ancora non è chiaro il movente, ma gli investigatori non escludono la pista sentimentale.
Secondo il Corriere della Sera, già nei giorni scorsi il ragazzo aveva ricevuto diversi inviti per andare a ritirare il pacco inesistente. Domenica pomeriggio la decisione di presentarsi all’appuntamento fissato per telefono alle 18 con i finti corrieri che gli hanno gettato in viso l’acido. Le indagini sono affidate alla polizia che dovrà ricostruire nei dettagli l’episodio.
http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/12/28/milano-22enne-cade-in-trappola-aggredito-acido-colpi-martello/1301250/


Nessun commento:

Posta un commento

Print