25 luglio 2014

Tentato omicidio, estorsione, usura e porto illegale di armi. Queste le accuse a carico degli 8 fermati, colpevoli, secondo gli inquirenti, del raid contro l'isolato 6 del Piano Napoli di via Settetermini di Boscoreale, durante il quale sono rimaste ferite Rita e Argentina Improta lo scorso venerdì sera.

Il gip del Tribunale oplontino ha convalidato le misure cautelari in carcere per tutti gli arrestati, in attesa del riesame. Secondo i carabinieri del Nucleo Operativo del tenente Andrea Morgando, della compagnia di Torre Annunziata, del capitano Michele De Riggi e della stazione di Boscoreale, che hanno condotto le indagini, ad organizzare il raid ed anche a guidare il gruppo di usurai, erano due donne, Angela e Rosa, figlia e mamma.

Nel gruppo di fuoco è implicato anche il figlio minorenne di 17 anni di Angela, mentre a sparare contro Rita, ferendola al braccio, sarebbe stato il figlio di Rosa. A suo carico infatti, pende l'accusa di tentato omicidio. Dalle ricostruzioni della difesa, per ora, emerge un legame di parentela tra Rosa e Rita, carnefice e vittima. Se così fosse, lo scenario si ribalterebbe nuovamente.

Le due famiglie sarebbero in contrasto dal 2012, quando Rosa ha prestato 3mila alla famiglia di Rita, a patto di restituirli con gli interessi. Questi ultimi però, aumentavano del 400% e Rita non riusciva più a pagarli. Già altre volte prima di venerdì, i "guagliuni" di Rosa e Angela avevano intimato alla donna di pagare. Il raid punitivo doveva essere l'ultimo avvertimento: paga, o muori.
di Giovanna Sorrentino
http://www.ilmattino.it/NAPOLI/CRONACA/prestito-usuraio-al-400-annuo-non-onorato-mamma-e-figlia-ordinarono-sparate-alle-nostre-parenti/notizie/820655.shtml


Nessun commento:

Posta un commento

Print