10 giugno 2014

Una paziente aggredisce con le forbici un'infermiera che tentava di somministrarle un medicinale, ma viene bloccata. È accaduto alla clinica Ini di Canistro e sul posto è stato necessario l'intervento dei carabinieri.
Una donna di 67 anni, ricoverata nel reparto di chirurgia ortopedica, in preda a un raptus forse dovuto a uno stato di agitazione psicofisica, ha tentato di aggredire l’infermiera che le stava per somministrare un farmaco prescritto nella terapia.
La paziente si è alzata dal letto e si è avvicinata all’infermiera brandendo delle forbicine intimandole di allontanarsi dalla stanza. Così, insieme alla dottoressa del reparto accorsa in suo aiuto, ha cercato invano di calmarla.
A quel punto è stato necessario l'intervento dei militari della caserma di Civitella Roveto insieme a quelli del nucleo radiomobile della compagnia di Tagliacozzo.
Sono entrati nella stanza della donna, trovandola ancora in stato di agitazione. Asserragliata nella camera continuava a minacciare chiunque le si avvicinasse. Dopo alcuni minuti, i carabinieri sono riusciti a disarmarla e a farla desistere sia dal commettere atti autolesionistici sia dal peggiorare la propria situazione evitando rischi il personale sanitario.
E' stata calmata e denunciata per minacce aggravate.


Nessun commento:

Posta un commento

Print