12 ottobre 2012

Lasciando all'oscuro il marito fuggi' per circa due mesi dalla Valle d'Aosta col figlio di 8 anni per andare in Veneto dal suo nuovo compagno.
Accusata di sottrazione di persone incapaci, F. C. (avvocato Manuela Ghillino) di 38 anni di Valtournenche (Aosta) e' stata condannata oggi a otto mesi di reclusione (pena sospesa) dal giudice monocratico del tribunale di Aosta Marco Tornatore.
Era stato il marito a querelare la moglie, dalla quale all'epoca non era ancora separato.
http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/valledaosta/2012/10/12/Fuggi-marito-bimbo-condannata_7621132.html

Il giudice Marco Tornatore ha condannato a 8 mesi di reclusione, pena sospesa, una valdostana, C.F., per sottrazione di minore.
Nel dicembre del 2008 la donna, che si stava separando dal marito, C.M. , dopo una cena al ristorante con il figlio della coppia e il nuovo compagno, fece perdere le proprie tracce. Il padre non avendo più notizie del figlio si rivolse ai Carabinieri, denunciando l'ex compagna. Dalle forze dell'ordine l'uomo scoprì che la donna aveva portato il figlio in Veneto. Solo dopo tre mesi la madre tornò ad Aosta con il figlio, che il giudice decise poi di affidare ad entrambi i genitori.
Oggi il giudice Tornatore ha dato ragione al padre, difeso dall'avvocato Gianfranco Sapia di Aosta, condannando la donna a 8 mesi di reclusione, pesa sospesa condizionata al pagamento entro 3 mesi di 1.000 euro di risarcimento, oltre le spese legale.


Nessun commento:

Posta un commento

Print