14 maggio 2012

Una donna  di 37  anni è stata condannata all’ergastolo per aver ucciso l’anno scorso i suoi quattro figli nella cittadina di Široký Důl, Boemia orientale.  

E’  la terza condanna a vita inflitta ad una donna dopo la caduta del regime comunista nel 1989.

Le relazioni degli esperti hanno dimostrato che la donna non soffre di alcun problema mentale e finge la perdita di memoria.
Secondo il fascicolo, la donna ha ucciso i suoi quattro figli di età compresa tra i due mesi e gli otto anni il 2 settembre 2011, pugnalando a morte tre di loro e soffocando il quarto. Dopodiché ha tentato il suicidio, ma gli agenti di polizia sono riusciti ad intervenire in tempo.


Nessun commento:

Posta un commento

Print