19 aprile 2012

Ha investito una ragazza ed è scappata, ma la prontezza di un testimone oculare ha consentito di risolvere il “giallo” di ieri sera. L’incidente è avvenuto ad Albisola Capo, tra la via Aurelia e via Morando, poco prima delle venti.
Una giovane donna stava pedalando in bicicletta, quando le è piombata addosso una Panda, che l’ha scaraventata a terra. L’utilitaria, dopo l’impatto, ha ripreso la marcia verso Celle Ligure. Un uomo a bordo della sua macchina, però, Silvano P., ha assistito alla scena e con rapidità di riflessi si è lanciato all’inseguimento dell’auto pirata. Nel frattempo, chiamando la centrale della polizia stradale, forniva dati sulla targa, il modello e il colore del veicolo in fuga. L’uomo ha avvicinato la Panda ed ha fatto segno alla guidatrice di accostare: di fatto l’ha bloccata nella corsa.
La giovane donna, Alessia E., 25 anni, di Varazze, ha ascoltato le rimostranze del testimone, ma ha negato di essere la responsabile dell’incidente e, rimettendosi al volante, se ne è andata. Una pattuglia della polstrada di Carcare, intanto, ha effettuato i rilievi sul luogo del sinistro, mentre la malcapitata ciclista veniva trasportata in pronto soccorso per le cure del caso.
Dalla targa gli agenti della Stradale, coordinati dal dirigente Gianfranco Crocco, sono risaliti ai proprietari del veicoli, i genitori della guidatrice, che sono stati raggiunti nella loro abitazione a Varazze. Qui, quando la figlia è rincasata, ha continuato a negare gli addebiti. I poliziotti, però, hanno trovato sulla Panda evidenti segni compatibili con l’incidente: abrasioni della carrozzeria nella parte sinistra, retroflessione del motore, danni al parabrezza e altri indicativi dello scontro tra macchiana e bici.
L’auto è stata avviata al sequestro, mentre la venticinquenne, cui è stata subito ritirata la patente, è stata denunciata per fuga in caso di incidente con feriti e omissione di soccorso: reati per i quali si rischia per la prima fattispecie da sei mesi a tre anni, per la seconda da uno a tre anni di reclusione.


Nessun commento:

Posta un commento

Print