18 maggio 2017

Rapina in casa due coniugi vercellesi ultra novantenni.
I carabinieri del Nor hanno arrestato, nel pomeriggio di sabato, D.R., 54enne, residente in Vercelli, gravata da pregiudizi penali per reati contro il patrimonio, la persona, l’amministrazione della giustizia e la pubblica amministrazione e sottoposta alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.
Alle 15,35, a seguito di richiesta pervenuta al 112, i carabinieri sono intervenuti nell’abitazione di una 92enne, che aveva segnalato di essere stata aggredita in casa da una donna sconosciuta: l'anziana l'aveva sorpresa, introdottasi in casa da una finestra aperta, mentre era intenta a rubare. D.R. aveva ingaggiato una collutazione con l'anziana alla presenza del marito della donna,95enne e invalido, prima di darsi alla fuga con 3.000 euro circa.
Sulla scorta della minuziosa descrizione fornita dalla vittima, che durante la colluttazione aveva anche graffiato la rapinatrice, strappandole la camicia, i carbinieri sono riusciti poco dopo a individuare l’abitazione della malvivente, grazie alle indicazioni di un passante che l’aveva notata rincasare con le mani e la camicetta sporche di sangue.
La donna, fermata mentre aveva ancora le mani sporche di sangue, aveva in casa camicia strappata, ma non la refurtiva. L’anziana vittima, inanto, era stata visitata e medicata da personale del 118 di Vercelli medicata per le escoriazioni al gomito destro e al ginocchio sinistro.
Successivamente, in sede di individuazione fotografica, entrambi i coniugi riconoscevano con certezza la 54enne quale responsabile della rapina patita. L’arrestata, espletate le formalità di rito, è stata portata prima al Billiemme e poi, su disposizione del Tribunale di Vercelli, sottoposta agli arresti domiciliari.


Nessun commento:

Posta un commento

Print