30 maggio 2017

Lasciata fuori dall'accademia o chiusa nello spogliatoio come punizione per le sue difficoltà di apprendimento


Un'insegnante di danza e la segretaria della scuola di ballo avrebbero maltrattato, verbalmente e fisicamente, una giovane allieva durante le ore di lezione.
Come riporta La Nuova Sardegna, gli agenti della Squadra mobile di Sassari hanno notificato ad entrambe l'avviso di conclusione delle indagini e l'informazione di garanzia. L'attività investigativa è iniziata dopo la denuncia della madre della minore. In particolare l'insegnante di danza, davanti alle altre giovani allieve della scuola e in più occasioni, urlava frasi a dir poco irrispettose e gravemente offensive. "Sei una bambina viziata, sei tonta, non apprendi niente", diceva fino a strattonarla fisicamente.
Come se non bastasse, alcune testimoni hanno raccontato che la bambina veniva lasciata all'ingresso della scuola, senza poter entrare, come punizione per le sue difficoltà di apprendimento. Complice dell'insegnante anche una parente, la segretaria della scuola, che si preoccupava di sgridare chiunque provasse a consolare la bambina. Altre volte la minore veviva chiusa nello spogliatoio con luce spenta, per tutto il tempo della lezione. I maltrattamenti sono andati avanti per circa due anni, fino a quando la minore ha iniziato a manifestare il suo disagio ed alla fine, dopo essersi confidata con un familiare, è emersa tutta la triste storia.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/news/cronache/sassari-insegnanti-danza-maltrattano-unallieva-sei-tonta-1403822.html


Nessun commento:

Posta un commento

Print