12 aprile 2017

La polizia ha arrestato ad Atri una ragazza per maltrattamenti in famiglia. Ha picchiato e minacciato, molte volte, i genitori di morte.

La Polizia ad Atri ha arrestato una ragazza, già più volte segnalata all’autorità giudiziaria. per comportamenti aggressivi ed estorsivi  manifestati nei confronti dei genitori. Li aveva minacciarli  anche di morte,  non esitando  in caso di rifiuto di denaro a picchiarli con calci e pugni e a danneggiare suppellettili di casa. Nel pomeriggio di ieri i poliziotti del Commissariato  di Atri  hanno arrestato M.E., 20 anni, colta in flagranza del reato di maltrattamenti in famiglia,  estorsione , lesioni ai danni dei propri genitori e per aver opposto resistenza a pubblico ufficiale. La ventenne era già stata allontanata dalla famiglia nell’aprile dello scorso anno dopo il provvedimento emesso dal Tribunale di Teramo. I genitori, però, avevano deciso di darle ancora una possibilità, consentendole di rientrare in casa. Il Tribunale di Teramo aveva così modificato la misura dell’allontanamento dall’abitazione con quella più lieve dell’obbligo di firma presso il Commissariato di Atri. Nonostante ciò, sono proseguiti gli atteggiamenti ostili e vessatori della giovane. In più occasioni, infatti,  i genitori avevano dovuto chiamare  la Polizia spaventati dalle reazioni della figlia. Era stato pertanto necessario assumere nei suoi confronti il divieto di dimora ad Atri ,con la prescrizione del divieto di avvicinamento ai genitori. Ieri, dopo l’ennesima lite e la richiesta  di 40 euro ai genitori, commessa davanti ai poliziotti, M.E. è finita in manette.

Fonte: http://www.rete8.it/cronaca/123atri-ragazza-arrestata-per-maltrattamenti-in-famiglia/


Nessun commento:

Posta un commento

Print