17 gennaio 2017

Modica - Ragusanews l'aveva raccontata domenica sera. E’ stata denunciata dalla Polizia di Modica per maltrattamenti in famiglia una  cittadina extracomunitaria di 46 anni, attualmente domiciliata a Ragusa dove viveva con il figlio di 10 anni.

I fatti risalgono a domenica scorsa quando i medici del pronto soccorso hanno informato il Commissariato dell’arrivo di un minore straniero, che presentava evidenti segni di violenza fisica.
 
E' emerso che un minore straniero di dieci anni, figlio di una coppia in fase di separazione ed affidato alla madre che vive a Ragusa, era stato prelevato dal padre per trascorrere la domenica insieme. Una volta salito in auto il bambino scoppiava a piangere, raccontando al padre che la mamma giorni prima lo aveva violentemente picchiato.
Alla vista dei segni delle percosse, ancora evidenti sulle cosce del figlio, l’uomo sl'ha accompagnato al pronto soccorso dell’ospedale Maggiore di Modica, dove è stato visitato e successivamente anche ricoverato per uno stato influenzale in corso.
L'uomo ha poi sporto regolare denuncia nei confronti dell’ex moglie.
Il bambino è stato affidato temporaneamente al padre, in attesa dei provvedimenti definitivi da parte dell’Autorità Giudiziaria competente.
Irene Savasta
  

 
Modica - Ragusanews l'aveva raccontata domenica sera. E’ stata denunciata dalla Polizia di Modica per maltrattamenti in famiglia una  cittadina extracomunitaria di 46 anni, attualmente domiciliata a Ragusa dove viveva con il figlio di 10 anni.
I fatti risalgono a domenica scorsa quando i medici del pronto soccorso hanno informato il Commissariato dell’arrivo di un minore straniero, che presentava evidenti segni di violenza fisica.
E' emerso che un minore straniero di dieci anni, figlio di una coppia in fase di separazione ed affidato alla madre che vive a Ragusa, era stato prelevato dal padre per trascorrere la domenica insieme. Una volta salito in auto il bambino scoppiava a piangere, raccontando al padre che la mamma giorni prima lo aveva violentemente picchiato.
Alla vista dei segni delle percosse, ancora evidenti sulle cosce del figlio, l’uomo sl'ha accompagnato al pronto soccorso dell’ospedale Maggiore di Modica, dove è stato visitato e successivamente anche ricoverato per uno stato influenzale in corso.
L'uomo ha poi sporto regolare denuncia nei confronti dell’ex moglie.
Il bambino è stato affidato temporaneamente al padre, in attesa dei provvedimenti definitivi da parte dell’Autorità Giudiziaria competente.





Irene Savasta

Commenta la news

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di Ragusanews.com
Se sei già nostro utente esegui il Login nel form sottostante oppure registrati ora se non sei ancora registrato.
Se non ricordi più le tue credenziali di accesso clicca su recupera password.
La redazione di Ragusanews.com non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Ragusanews.com comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.



Nessun commento:

Posta un commento

Print