21 dicembre 2016




PESCARA. Ha aggredito due poliziotti, gli ha urlato contro una serie di insulti e poi ha cercato anche di picchiarli con una stampella. Per questo una donna è stata arrestata in stazione, a Pescara, dove era stata sorpresa poco prima a fumare una sigaretta nella sala di attesa. È stata invitata ad uscire dal personale della polizia ferroviaria, visto che il fumo dava fastidio agli altri viaggiatori, e lei se l’è presa, reagendo con violenza.
Protagonista dell’episodio Ilaria Boncristiano, 37 anni, di San Severio (Foggia) di fatto senza fissa dimora. Gli uomini della Polfer, diretti da Davide Zaccone, sono stati raggiunti al volto da una serie di colpi e perfino da una serie di sputi (anche in bocca), dopodiché hanno visto la donna accasciarsi a terra, per fare resistenza passiva. È stata alzata di forza ed accompagnata negli uffici della polizia, dove ha usato la stampella con cui cammina come arma, tentando di ferire gli agenti. Ha continuato ad agirarsi per un po’, tra minacce, offese e frasi sconclusionate, dopodiché è stata arrestata per violenza e resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e minacce. I due agenti che si sono occupati di lei sono finiti in ospedale, per essere medicati ed essere sottoposti ai necessari controlli, essendo stati raggiunti dalla saliva.
Boncristiano, volto già noto alle forze dell’ordine per una serie di denunce e perché bivacca spesso in stazione, è finita in carcere, a Chieti, ma solo per poche ore. Ieri mattina, dopo la convalida, è tornata in libertà. La 37enne pugliese, di fatto senza fissa dimora ma residente.
http://ilcentro.gelocal.it/pescara/cronaca/2016/12/21/news/le-vietano-di-fumare-botte-sputi-e-insulti-a-due-agenti-arrestata-1.14602641

  a Pescara in via della Posta (indirizzo generalmente riconosciuto alle persone che non hanno una casa, associabili a una casella posta o all’albo pretorio), non può essere destinataria di misure cautelari, come il divieto di dimora che era stato proposto per lei.


Nessun commento:

Posta un commento

Print