5 novembre 2016

Donna denunciata per estorsione a Musile di Piave
I carabinieri hanno denunciato una 54enne di Musile di Piave per estorsione. Voleva 2mila euro dalla vittima, che aveva visto una sola volta un anno fa: "Poi te li ridò nel 2017"

Donna denunciata per estorsione a Musile di Piave

Si è trovata in difficoltà economiche e per uscirne non ha trovato altro modo che tentare di estorcere denaro a un uomo che ha avuto la sfortuna di incontrarla un anno fa. Venerdì i carabinieri della stazione di Meolo, coordinati dal maresciallo Roberto Tagliari, hanno denunciato M.L., una 54enne residente a Musile di Piave, per il reato di estorsione nei confronti di un imprenditore di Meolo.
Quest'ultimo mai si sarebbe immaginato di finire in un ginepraio del genere: un solo faccia a faccia con la donna che poi l'avrebbe minacciato. Il fatto che la vittima fosse un imprenditore forse ha indotto la 54enne a pensare che lui potesse godere di una certa "liquidità", escogitando quindi il ricatto per intascarsi i 2mila euro che le sarebbero serviti per uscire dalle difficoltà in cui era finita. Tra bollette, mutui e spese. A un certo punto ha contattato l'imprenditore spiegandogli che se non le avesse consegnato la somma avrebbe raggiunto la stazione dei carabinieri e l'avrebbe denunciato per violenza sessuale.

Avrebbe chiesto più che altro un prestito: "Poi te li ridò indietro appena possibile", avrebbe spiegato. Anzi, avrebbe anche firmato un documento privato in cui questo impegno sarebbe stato messo nero su bianco. Messaggi e telefonate sono continuate con il passare del tempo e la malintenzionata avrebbe contattato anche la moglie della vittima, che però ha sempre preso le parti del marito. Entrambi infatti hanno deciso di chiedere aiuto ai carabinieri, che hanno deciso di tendere una trappola alla ricattatrice. L'imprenditore le ha spiegato di avere i soldi e che era disponibile a prestarglieli. L'incontro è stato fissato venerdì a San Donà, all'aperto. Nei dintorni c'erano i militari dell'Arma in borghese che, non appena la 54enne ha preso in mano i contanti, sono intervenuti e hanno bloccato la donna. Le 4 banconote da 500 euro sono state sequestrate assieme al cellulare della denunciata, che aveva portato con sé il "contratto privato" con cui si impegnava a restituire tutto nel 2017.

Fonte: http://www.veneziatoday.it/cronaca/donna-denunciata-estorsione-musile.html




Nessun commento:

Posta un commento

Print