21 ottobre 2016


Da anni invalida ed incapace di provvedere a se stessa, aveva accolto in casa la propria figlia bisognosa. Quest’ultima sembra la sottopenesse a continui maltrattamenti




[COMUNICATO STAMPA POLIZIA DI STATO] Donna vessa l’anziana madre convivente, denunciata dalla Polizia di Stato; il G.I.P. presso il Tribunale di Enna dispone l’allontanamento dalla casa familiare, eseguito dai poliziotti ennesi. Nei giorni scorsi gli uomini dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico della Questura di Enna - diretti dal Commissario Capo dott. Giuseppe Sofia - hanno eseguito la misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare - disposta dal G.I.P. preso il Tribunale di Enna, - a carico di una donna, classe 1961, resasi responsabile delle ipotesi delittuose aggravate di maltrattamenti in famiglia, tentata violenza privata e abbandono di persona incapace, in danno della madre convivente.
I FATTI In particolare, da anni l’anziana donna, invalida ed incapace di provvedere a se stessa, aveva accolto in casa la propria figlia bisognosa. Quest’ultima la sottoponeva a continui maltrattamenti e vessazioni psicologiche, sgridandola con pesanti insulti e rifiutandosi di prestarle assistenza allorquando la stessa chiedeva aiuto. Il pesante clima familiare, instaurato dalla donna e culminato addirittura in un tentativo di costringere la genitrice a licenziare la badante, convinceva l’anziana signora a denunciare la figlia convivente. I poliziotti ennesi iniziavano, dunque, un’articolata attività di indagine ed attraverso l’acquisizione delle dichiarazioni di vari testimoni, riuscendo a ricostruire i diversi episodi criminosi. Le positive risultanze investigative venivano rassegnate alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Enna ed il p.m. titolare delle indagini, nella persona del Sostituto Procuratore dott.ssa Stefania Leonte, richiedeva al G.I.P. l’applicazione della misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare ex art. 282 bis c.p.p.

Fonte:  http://www.startnews.it/notizie/start_write_news_10.asp?key=14318

 


Nessun commento:

Posta un commento

Print