24 settembre 2016

I Carabinieri della Stazione di San Giuliano Vecchio hanno arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e denunciato per ricettazione Gentian Dizdari, cittadino albanese di 41 anni, e Francesca Castrogiovanni, di 39 anni, entrambi pregiudicati. La donna veniva anche segnalata alla Prefettura quale assuntrice di stupefacenti. 
Una pattuglia di San Giuliano Vecchio, alle 14.30 del 24 settembre u.s. effettuava un posto di controllo sulla SS 35 bis dei Giovi nei pressi di Litta Parodi e il caposervizio decideva di fermare un’auto sospetta. Ma il conducente di questo veicolo però, anziché fermarsi, accelerava e superava due auto che aveva davanti, anche se nella corsia opposta sopraggiungevano delle auto che dovevano scansarsi per evitare l’auto in fuga. 
I militari iniziavano un inseguimento, ma il veicolo in fuga effettuava delle manovre molto pericolose che mettevano in pericolo gli altri utenti della strada. Addirittura sulla rotonda nei pressi del cimitero di Spinetta Marengo l’auto saliva sui cordoli che delimitano la carreggiata al fine di superare le auto in fila e continuare a scappare. All’altezza del Castello di Marengo l’auto in fuga veniva affiancata dai militari, ma il conducente del veicolo tentava di speronare il mezzo militare con spostamenti verso sinistra per far urtate l’auto dei Carabinieri contro lo spartitraffico centrale. Intanto giungeva in ausilio anche una gazzella del Radiomobile e i due decidevano di arrendersi nei pressi di un distributore di carburante, dove venivano bloccati. 
Da un rapido controllo, l’auto risultava rubata a Novi Ligure intorno alle 12.30 della stessa mattina e i due venivano quindi accompagnati presso la Stazione di San Giuliano Vecchio dove venivano arrestati per resistenza a pubblico ufficiale e denunciati per ricettazione di auto. 
Entrambi venivano perquisiti e sulla donna, occultato nelle parti intime, veniva rinvenuto un involucro contenente tre grammi di hashish. I due arrestati dopo la convalida dell’arresto sono stati entrambi sottoposti alla misura cautelare degli arresti domiciliari presso la loro abitazione.


Nessun commento:

Posta un commento

Print