1 settembre 2016

La ragazza bolognese è indagata per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione

di GRAZIA BUSCAGLIA

Rimini, 1 settembre 2016 - "Voglio più soldi o ti rovino. Datti da fare". Lui, un bel diciannovenne di origine straniera, che lavorava come deejay in locali della Riviera, non poteva sottrarsi alle richieste che quotidianamente gli venivano rivolte. Così si è dato da fare, proprio come gli ordinava lei, la sua fidanzatina: costretto a prostituirsi con altri uomini, spesso dietro pesanti minacce, da chi diceva di amarlo. Il suo aguzzino, o meglio, la sfruttatrice, era proprio la sua fidanzata, una ragazzina C.S, nata a Bologna, ma da sempre residente in provincia di Rimini, che all’epoca dei fatti, nel 2012 aveva da poco compiuto i 19 anni. La giovanissima, è, infatti indagata per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione ai danni dell’ex compagno, suo coetaneo, e comparirà davanti al gup di Ancona per l’udienza preliminare il prossimo 20 settembre.
La 22enne riminese è finita al centro di una maxi inchiesta, coordinata dalla Dda di Ancona, su un giro di prostituzione tutta al maschile, tra Rimini e le Marche, in particolare nelle zone di Fano e Urbino, con ragazzini minorenni, soprattutto stranieri, adescati e spinti ad avere rapporti sessuali in cambio di droga o di cellulari di ultima generazione. Insieme alla riminese comparirà davanti al gup anconetano, Paola Moscaroli, I.M, un 38enne marchigiano che è tra l’altro indagato per prostituzione minorile e tentata prostituzione sempre di ragazzini sotto i 18 anni.
Il giovane deejay era stato avvicinato dal 38 enne marchigiano che più volte gli aveva chiesto di procurargli ragazzini minorenni con i quali avere rapporti sessuali a pagamento. In un sms, però, era venuta a galla anche un’altra verità: lo stesso deejay aveva avuto rapporti omosessuali a pagamento. E quell’sms galeotto era stato intercettato e letto dall’allora fidanzatina riminese.
La giovanissima però non aveva fatto, come ci si sarebbe potuto aspettare, la classica scenata di gelosia e non aveva neppure rotto la relazione con il suo bel deejay, ma aveva deciso di ‘sfruttare’ al meglio la situazione a suo vantaggio. Stando alle accuse mosse dagli investigatori, la riminese avrebbe iniziato, addirittura, a concordare gli appuntamenti con i clienti del suo ‘moroso , consentendogli anche di usare il suo stesso telefonino per i contatti hard. La ragazzina per,  teneva sotto controllo stesso i movimenti del suo bel deejay, chiedendogli in autentico resoconto delle prestazioni effettuate, ma soprattutto il denaro incassato. Soldi che la diciannovenne teneva per sé e utilizzava per acquistare borse e vestiti firmati. Poi le pretese della ragazzina si sarebbero fatte sempre più esigenti: "Non fai nulla, voglio più soldi o ti rovino", lo avrebbe minacciato pur di ottenere centinaia di euro per togliersi ogni capriccio alla moda, dal vestito alla vacanza. La giovanissima, sempre stando alle accuse, sarebbe persino arrivata a spacciarsi per il suo fidanzato inviando, al suo posto, sms dal contenuto erotico e con proposte di prostituzione ai clienti, pur di ‘guadagnare’ sempre più denaro.
Non sapeva C.S. che gli uomini della Direzione distrettuale antimafia di Ancona stavano indagando sul un maxi giro di prostituzione di minorenni. Così si è ritrovata indagata per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, ma in questo caso di un maggiorenne, ovvero il suo fidanzato. Ed il 20 settembre saprà se il gup anconetano Moscaroli deciderà di rinviarla a giudizio.

Fonte: http://www.ilrestodelcarlino.it/rimini/cronaca/faceva-prostituire-il-fidanzato-1.2472737

 


Nessun commento:

Posta un commento

Print