14 agosto 2016

La depravazione e la malignità possono essere un oscura ma distante presenza per la quotidianità di ognuno di noi, eppure accanto alle nostre esistenze guidate da un normale e ripetitivo scorrere del tempo può celarsi qualcosa di agghiacciante, marcio ed impensabile. La storia che sbuca fuori dalle lettere segrete di una ragazza di Caserta che a soli 15 anni si ritrova con un bagaglio di quattro anni di abusi sessuali subiti da parte del patrigno con la complicità di una madre degenere ha dell’ incredibile ed allo stesso tempo il sapore di un anormalità che malgrado il disgusto che provoca è più consuetudinaria di quanto vorremmo. La vittima di questa tristissima storia (il cui nome viene celato per diritto alla privacy) ha subito i patimenti di un lussurioso in un girone dantesco con l’aggravante di dover trovare una spiegazione al perché di tanta ingiustizia in un età in cui già normalmente si cerca una propria identità ed un senso alla propria esistenza: i due partner hanno cominciato a stuprare la bambina (perché a undici anni si tratta di una bambina) quattro anni fa di comune accordo, la legavano e frustavano con una cinghia e quando provava ad urlare la zittivano gettandole addosso un secchio di acqua bollente. In questo tempo, i maltrattamenti subiti l’hanno fatta chiudere in un silenzio imbarazzato, portato come un senso di colpa per una realtà che non dovrebbe nemmeno esistere, poi il coraggio e la voglia di uscire da questo inferno privato l’hanno spinta a cercare aiuto nei suoi professori.
I professori del Santa Maria Vetere, appena appresa questa disgustosa storia di maltrattamenti, hanno collaborato con la polizia e denunciato i due genitori degeneri, questi erano riusciti a scappare in Germania ma, fortunatamente, grazie ad un operazione di polizia internazionale, sono stati catturati e messi in carcere. Nella loro casa sono stati ritrovati i video delle violenze sulla minorenne ed un cassetto pieno di lettere in cui la vittima sfogava l’angoscia, la paura, la rabbia ed il dolore per una realtà che non sapeva se sarebbe mai cessata. Il quadro è ormai completo, i due criminali sono rinchiusi e li attende un processo che se c’è una forma di giustizia li terrà rinchiusi per un lunghissimo periodo.

Fonte: http://www.newnotizie.it/2016/08/caserta-arrestata-coppia-abusava-della-figlia-minorenne-quattro-anni/


Nessun commento:

Posta un commento

Print