10 giugno 2016

L'insegnante, 57 anni, è ai domiciliari. Contro i bambini di 5 e 6 anni ci sarebbero state minacce, insulti, percosse e isolamenti prolungati.

Una insegnante di 57 anni di una scuola materna della provincia di Pistoia è da stamani agli arresti domiciliari, in esecuzione di misura cautelare, con l'accusa di maltrattamenti verso minori. A far partire le indagini le segnalazioni delle famiglie di alcuni alunni di 5 e 6 anni. Minacce, insulti e vessazioni fisiche come strattonamenti, percosse e prolungati isolamenti, le condotte contestate alla donna e documentate anche con riprese audiovideo, come spiegano i carabinieri che hanno svolto le indagini coordinate dal pm Claudio Curreli. Nessuno dei piccoli alunni, si specifica, "ha riportato lesioni nelle varie situazioni oggetto dell'indagine"

La maestra lavora in una scuola materna statale del Pistoiese: la misura cautelare, disposta dal gip Patrizia Martucci, le è stata formalizzata negli uffici del comando provinciale dell'Arma a Pistoia, poi è stata riaccompagnata a casa. Nei prossimi giorni si terrà l'interrogatorio di garanzia.

Le indagini, condotte dai carabinieri della compagnia di Pistoia, sono partite a dicembre scorso, a seguito di segnalazioni, spiegano i militari, giunte a più comandi dell'Arma, provenienti dalle famiglie di alcuni alunni di una delle sezioni della scuola, nella quale sono inseriti una trentina di alunni. Il capo d'accusa, sulla base delle risultanze di quasi cinque mesi di indagini riservate, "evidenzia - si spiega ancora dall'Arma - come le condotte attuate dall'insegnante nei confronti dei piccoli alunni siano consistite in minacce, insulti di vario genere e vessazioni fisiche (strattonamenti, percosse e prolungati isolamenti)".

Gli accertamenti sono stati anche "correlati dalle dichiarazioni di alcuni genitori che hanno comunicato agli inquirenti lo stato di disagio manifestato in alcune circostanze dai piccoli alunni, alcuni dei quali cominciavano ad avere seri problemi a recarsi a quotidianamente a scuola".


Nessun commento:

Posta un commento

Print