1 dicembre 2015

Superficialità, pressapochismo, dilettantismo, ignoranza delle basi teoriche della criminologia, sensazionalismo (suicidi spacciati per omicidi; perfino una donna aggredita da un orso e presentata come "femminicid-izzata": d'altronde, c'è da stupirsi se, dopo decenni di criminalizzazione, dal '68 in poi, il pater familias - perlomeno quello non ancora addomesticato e soggiogato al diktat femminile - viene oggi assimilato a un orso?..); ossequio servile ai diktat ideologici imposti dalle agenzie internazionali - ONU, Consiglio d'Europa - e alle loro ong-satelliti (NOW, ecc.); propaganda dell'odio anti-maschile (misandria, per gli italiani; male bashing per gli americani); e soprattutto manipolazione della statistica, piegata al fine politico di giustificare i parassitari stipendi rosa delle operatrici dei rifugi anti-violenza: c'è di tutto nell'ossessivo martellamento massmediatico propinato agli italiani dalla stampa di regime sulla presunta "emergenza femminicidio".
Ecco il proclama-tipo:


video


La gente crede solo a ciò che già sa (= che ha visto in TV...)
La TV di regime si appella ai dati EURES, l'ente, cioè, che dovrebbe conferire il blasone di scientificità - e quindi di indipendenza dall'ideologia - alla campagna orchestrata dalla politica; peccato che l'Istituto non renda immediatamente fruibili per tutti, nel web, tali dati (consentendone il download), e non specifichi le fonti per ogni singolo episodio né la metodologia applicata alla ricerca.

A colmare tali vistose lacune provvede - anche per l'analisi del 2014 (come già per quelle del 20102012 e 2013) - il Centro Documentazione Violenza Donne, il quale, invece, sottopone ad ogni lettore, senza paludamenti, non le proprie opinioni, ma fatti, nomi, date, fonti e metodo, tutti verificabili nel web tramite i link riportati nel testo che segue.

Tuttavia, la falsificazione della Storia - e in particolare delle presunte relazioni di potere storicamente ineguali fra donne e uomini - comincia da molto lontano: questa narrazione revisionista è stata già ampiamente smascherata in altre sezioni del sito (ma vedasi anche qui e qui), per cui in questa sede ci limiteremo a riportare le tappe normative più recenti (va da sé che se ogni tappa assume come fondamento e legittimazione quella precedente, la falsità della prima travolge tutte le successive).



Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità. Joseph Goebbels, Ministro della Propaganda del Terzo Reich 
Premessa storica
Nel 1979 l'Assemblea generale delle Nazioni Unite adottò la Convention of the Elimination of All Forms of Discrimination against Women (CEDAW).
Il 20 dicembre 1993 la stessa Assemblea adottò, senza voto, la risoluzione 48/104 denominata "Dichiarazione sull'eliminazione della violenza contro le donne", la quale postula la teoria della violenza sulle donne come manifestazione di relazioni di potere storicamente ineguali.
Ma è con la Conferenza mondiale di Pechino, nel 1995, che l'ONU capitola definitivamente al femminismo del Gender; come osserva il giudice spagnolo Francisco Serrano Castro nel suo libro La dittatura di genere: "un'ideologia dell'odio basata non sulla razza ma sul sesso".
E si giunge così ai giorni nostri, e cioè alla Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica, fatta a Istambul l'11 maggio 2011 (sottoscritta dall'Italia il 27 settembre 2012 e ratificata con la legge 27 giugno 2013, n. 77). Essa assume quale premessa, nel suo preambolo, la violenza contro le donne come manifestazione dei rapporti di forza storicamente diseguali fra i sessi - tesi ormai assurta a dogma di fede -, e sdogana definitivamente il razzismo-sessismo a livello globale; basti menzionare l'art. 1, che cita la "...protezione delle [sole] donne..."; l'art. 4 che tutela il diritto di vivere liberi dalla violenza nella sfera pubblica e privata "...in particolare per quanto riguarda le donne, le principali vittime della violenza basata sul genere (ossia di quella violenza che colpisce le donne in quanto tali, o che le colpisce in modo sproporzionato"; l'art. 5, che impegna gli stati firmatari a "...garantire comportamenti privi di ogni violenza nei confronti delle [sole] donne".
Da lì in poi, è tutto un proliferare di direttive dell'Unione Europea a sfondo razzista-sessista: basti citare la direttiva 2011/99/UE che istituisce l'Ordine di Protezione Europeo (OPE); o la direttiva 2012/29/UE (entrambe recepite dall'Italia con la legge di delegazione europea 6 agosto 2013, n. 96, all. B), volta alla "protezione specifica per le donne vittime di violenza di genere e di violenza domestica".

Le tappe normative più recenti, fra quelle sopra riportare, sono citate - quale fondamento di legittimazione - nella relazione illustrativa alla legge 15 ottobre 2013 n. 119 "Disposizioni urgenti in materia di sicurezza e per il contrasto della violenza di genere", di conversione dell'omologo decreto-legge 14 agosto 2013 n. 93, la cui relazione introduttiva, a sua volta, si appella ripetutamente alla suddetta Convenzione di Istambul e, soprattutto, esordisce con "l'allarme sociale" asseritamente suscitato (o mediaticamente indotto?..) dalla "violenza di genere e in ambito domestico, che ha conosciuto una recrudescenza in questi ultimi tempi".
L'art. 5 della legge di conversione s'intitola "Piano d'azione straordinario contro la violenza sessuale e di genere"; l'art. 5-bis s'intitola "Azioni per i centri antiviolenza e le case-rifugio" e prevede un finanziamento incrementale di 17 milioni di euro, per il biennio 2014-2015, sul Fondo per le politiche relative ai diritti e alle pari opportunità, da destinarsi agli stipendi rosa delle operatrici.

Metodologia del report

Il ddl n. 724 (PD) del 29-05-2013 “Disposizioni per la promozione della soggettività femminile e per il contrasto al femminicidio” ci fornisce, a pag. 1 della sua relazione introduttiva, le linee teorico-dottrinarie per definire il "femminicidio" (con buona pace per l'orrendo e grottesco neologismo coniato...):
[…] Il concetto di femminicidio [contempla] l’uccisione di una donna in quanto donna [...]
Scopo del report è pertanto quello di verificare la consistenza statistica quali/quanti-tativa delle morti femminili, verificatesi nel 2014 (ovviamente per cause violente e volontarie, non accidentali) con eziologia rispondente al postulato teorico-dottrinario.
Il postulato "femminicidio" per inverarsi necessita di due elementi costitutivi (A, B), mentre resta escluso in presenza di sei scriminanti (1-6):

A) che vi sia un "atto" di violenza; attenzione: "atto" e non "fatto"; non un qualsiasi accadimento (come un incidente), ma l'azione volontaria di "qualcuno". Ne deriva che non sono ascrivibili a "femminicidio" (scriminante) le morti femminili dovute a:
1. omicidio preterintenzionale (manca la volontà o questa era diretta ad altro fine); compiuto da persona incapace d'intendere e volere, parzialmente o totalmente, permanentemente o al momento dell'evento (volontà difettosa, scemata, tale da impedire all'autore il controllo delle pulsioni - spesso si osserva, nelle stragi familiari, che il soggetto psicolabile colpisce contestualmente più membri, senza distinzione di sesso; talora conseguente a patologie degenerative senili);
2. omicidio eutanasico o pietatis causa (mosso non da sopraffazione, ma da empatia - a volte distorta o parossistica - verso la vittima affetta da malattia inguaribile), quasi sempre seguito da suicidio dell'autore; a volte coesistente con estrema precarietà economica (impossibilità, reale o percepita, per la famiglia, di “andare avanti”); anche nella declinazione del "suicidio assistito";

B) che l'atto di violenza sia fondato sul Genere: condizione, questa, labile, fumosa, ascientifica; cosa potrà mai significare? Si possono formulare un paio d'ipotesi:
B.1) che l'atto di violenza sia fondato "sulla diversità di Genere fra autore e vittima": ma in tal modo si giungerebbe al paradosso per cui ogni morte di una donna per mano di un uomo sarebbe "femminicidio", mentre non lo sarebbe se causata da un'altra donna: e cioè, due omicidi, magari per identico movente - p. es. rapina -, sarebbero trattati in modo diverso (evidentemente, sarebbe considerato più grave quello compiuto dall'uomo); senza considerare che, in tal modo, dovrebbe per forza elaborarsi anche il concetto speculare: e cioè, che ogni morte di un uomo per mano di una donna dovrebbe essere trattata come "maschicidio";
B.2) che l'atto di violenza si basi su un movente che sottenda la riaffermazione di una "relazione di potere storicamente ineguale fra donne e uomini", che releghi "la donna, in quanto donna, a un ruolo subordinato" (definizione della "violenza di genere" elaborata nella Conferenza di Pechino).
Ebbene, se fosse vero che tali delitti sottendono una rappresentazione di minorità sociale della vittima (in quanto donna) nella psiche dell'autore, allora questi non potrebbe essere che un uomo!.. Orbene, si consideri il delitto passionale (talora con dolo d'impeto, spesso generato da gelosia o "possesso"; talaltra con premeditazione): le cronache giudiziarie traboccano di questo tipo di omicidi commessi (ma, ovviamente, censurati in TVda donne su uomini (qui 266 casi) o da donne su donne (qui 4 casi) (*)quid juris?..
Come potevano tali autrici essere permeate di una cultura patriarcale?.. E, se pure lo erano, allora questa non è una biasimevole esclusiva maschile?.. E dunque, perché s'invoca la rieducazione per i soli uomini e l'aggravante di pena per le sole vittime-donne uccise da autori-uomini?..(**)
(*): si tenga poi presente che l'omicidio di una donna ad opera di un'altra può nascondere un movente passionale anche quando non avviene in una relazione lesbica: è il caso in cui si elimini (o si commissioni l'eliminazione di) una rivale.
(**): in base alla legge-femminicidio n. 119/2013, gli studenti maschi saranno tenuti a compiere una sorta di atto di contrizione di fronte alle loro compagne (art. 5, 2° comma, lett. a; richiamato dalla legge 107/2015 "Buona scuola", comma 16).

In entrambe le ipotesi interpretative, ne discende che non possono essere ascritti a "femminicidio" quegli omicidi il cui movente prescinde totalmente dalla soggettività sessuata della vittima e dalla relativa rappresentazione nella psiche dell'autore:

3. paradigmatico è il movente economico-patrimoniale: e difatti, come pecunia non olet (e cioè suscita cupidigia a prescindere dalla liceità della provenienza), così il denaro "non ha sesso"; perciò tale movente è scriminante anche nelle declinazioni della "rapina finita male" o della rivendicazione delirante contro un apparato burocratico che, agli occhi del tartassato dalla crisi, incarna lo "Stato usuraio": costui, irrompendo come un forsennato nell'ufficio che gli ha spedito l'ingiunzione di pagamento o gli nega l'appalto o l'erogazione, si pone forse il problema del sesso del funzionario che gli si para davanti?..

4. ma tale è anche il caso del movente di rancore maturato in ambito professionale (rivalità per carriera, mobbing, ecc.), o in ambito familiare allargato (faida, nella quale si colpisce un membro qualunque della famiglia avversaria per colpire la famiglia nel suo insieme o per vendetta), o in ambito di vicinato: qualcuno potrebbe forse affermare che nell'arcinota "strage di Erba" i due coniugi assassini - il tassista Olindo e la moglie Rosa - fossero spinti da motivazioni diverse e sessualmente connotate?..

Altre fattispecie:

5. l'omicidio maturato come "danno collaterale" ad altro crimine comune: p. es. allo scopo di eliminare un testimone;

6. l'omicidio su commissione, ove prevale il movente della mandante, perché quello dell'esecutore materiale, invece, potrebbe essere meramente mercenario o volto a guadagnarsi la gratitudine – talora amorosa - dell'ispiratrice.

Ecco svelata, dunque, l'intrinseca fallacia ed ascientificità del postulato "femminicidio", elaborato alla luce di un'ideologia parziale, partigiana, manipolatoria, rivendicativa, rancorosa, sessista, dicriminatoria, misandrica, nonché volta all'accaparramento di privilegi di genere quale preteso "risarcimento ex post" per una presunta minorità sociale patita nel passato...

E allora, dietro alla menzogna del "femminicidio" - alla quale hanno alacremente lavorato, per decenni, decine di intellettuali femministe, prevalentemente in ambito anglo-americano - si nascondono due verità, l'una di dignità scientifica (attenendo alle scienze psico-sociali e criminologica), l'altra alquanto venale ed ignobile:

A) la relazione sentimentale (etero/omo-sessuale) racchiude in sé - in modo ontologico, cioè connaturato ed inemendabile, nell'eterno ed inestricabile intreccio fra eros e tanatos - un "lato oscuro", che è il desiderio/bisogno di "controllo" sul partner, cui fa da contraltare la paura dell'abbandono: è una manifestazione di "potere", più o meno negoziabile all'interno della coppia, che si estrinseca nelle più disparate modalità - alcune di polarità maschile, altre di polarità femminile (ma tutte agibili da ciascun sesso) - lungo uno spettro che va dall'accudimento ricattatorio alla violenza psicologica, verbale, fisica; dal ricatto economico a quello sessuale, ecc..

[Nella tabella che correda il presente articolo, viene adottata la nozione di "movente passionale-relazionale", poiché la psicologia insegna che non solo la coppia, ma la stessa famiglia nel suo insieme - e nei suoi intrecci inter-generazionali - nasconde spesso una vasta patologia relazionale]
O mia o di nessun altro
Cultura maschilista del possesso?..Andiamo, dunque, a verificarlo nell'archivio della cronaca censurata in TV:(cliccare sui link sottostanti)
http://violenza-donne.blogspot.it/2002/12/catania-sequestro-e-tortura-arrestate.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2004/06/perugia-pacco-bomba-arrestata-una-donna.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2005/01/milanoinfermiera-uccide-la.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2005/06/pistoia-accoltellata-in-casa-delitto.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2008/10/caserta-donna-accoltella-amica-per.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2009/01/stalking-perseguitata-da-una-donna.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2009/03/civitavecchia-stalking-tra-donne-30enne.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2009/08/torino-lamore-smarrito-tra-due-donne.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2010/05/forli-ragazza-gelosa-perseguitava-la.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2010/07/vittoria-una-donna-denunciata-per.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2010/11/cerignola-fg-donna-perseguitata-da.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2011/04/vibo-valentia-uccise-il-convivente.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2010/07/bucine-uccide-il-marito-e-poi-tenta-il.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2012/04/lazise-vr-lesbica-47enne-non-accetta-la.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2012/05/atella-pz-per-costringere-lamante-non.html
http://www.corriere.it/
http://violenza-donne.blogspot.it/2012/08/chieti-perseguita-amica-21enne-di.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2012/08/grotte-ag-moglie-vuole-interrompere.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2012/09/grottaferrata-rm-lui-lascia-la-rumena.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2012/08/grotte-ag-moglie-vuole-interrompere.html
http://www1.adnkronos.com/IGN/
http://violenza-donne.blogspot.it/2012/11/cutrofiano-ragazza-ventenne-denunciata.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2013/03/gussago-brescia-esplorgussago-brescia.html
http://iltirreno.gelocal.it/l
http://violenza-donne.blogspot.it/2013/11/primavalleperseguitata-dalla-ex-lesbica.html
http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/
http://violenza-donne.blogspot.it/2015/11/livorno-picchiata-dalla-compagna.html

B) il presunto fenomeno "femminicidio" racchiude un enorme business, tutto al femminile; in ballo ci sono centinaia di stipendi, tutti rosa: che le famigerate "Case delle donne" abbiano personale tutto femminile, passi, essendo associazioni private; quanto ai "nuclei specializzati" presso le questure e le ASL, invece, per decenza costituzionale le norme non specificano il sesso del personale (trattandosi di enti pubblici), ma non è difficile prevederlo, se non altro per i soliti... "motivi di opportunità"... 

Nella tabella che segue sono raffrontati i presunti "femminicidi" (colonna di sinistra), compiuti in Italia nel 2014, con le uccisioni di uomini ad opera di donne (colonna di destra); va notato che la volontà omicidiaria sortisce effetti diversi fra i sessi: mentre per l'autore-uomo spesso l'evento va oltre l'intenzione (omicidio preterintenzionale), per l'autrice-donna spesso l'evento voluto non viene, per imperizia, raggiunto: ma poiché il delitto tentato comporta - a differenza di quello colposo o compiuto da incapace d'intendere e volere - una lucida volontà omicidiaria nell'autrice, si è reso necessario contemplare anche il tentato omicidio per queste autrici (imputazione desumibile dalla stampa).

Ma premettiamo i dati diffusi dall'EURES e ripresi acriticamente dalla TV:
Sono 152 i femminicidi commessi in Italia nel corso del 2014, un dato in calo rispetto al numero record del 2013 (-15,1%), calo che ha tuttavia riguardato le donne uccise dalla criminalità (da 57 a 35, pari a -38,6%)...
...Abbiamo capito bene?!?.. "donne uccise dalla criminalità"?!?.. E quando mai la criminalità uccide una donna in quanto donna?? Ma l'EURES ha capito qual'è il fenomeno socio-criminologico che pretende di censire?..

Se parliamo di criminalità organizzata, essa uccide per il ruolo che le donne rivestono in seno ad essa, non certo per il solo fatto di essere donne... Se parliamo di criminalità comune, il movente è quasi sempre di rapina o eliminazione di testimone (ruoli asessuati).
L'EURES si è per caso preoccupata di censire gli uomini ammazzati per rapina o perché testimoni scomodi nel 2014? o la loro "razza" (= genere) rende irrilevanti tutti quegli omicidi?
Il sonno della ragione genera mostri (statistici)...
...e soltanto marginalmente i femminicidi familiari: questi sono infatti stati 117 nel 2014 (pari al 77% dei femminicidi totali), replicando sostanzialmente il numero censito nell'anno precedente (122 nel 2013). Lo afferma il terzo rapporto sul Femminicidio in Italia dell'Eures Ricerche Economiche e Sociali.
...Aahh, ecco: ora ci avviciniamo al focus... e intanto c'è stata una bella scremata di 35 casi...
E quali sarebbero i 117 casi?.. Dove pubblica online, l'EURES, i nomi, i luoghi, le date, i moventi?..
Noi l'abbiamo fatto, nella tabella qui sotto: e i risultati sono molto, molto diversi...
Particolarmente elevata nel 2014 si conferma l'incidenza delle donne sul totale delle vittime di omicidio in Italia (31,9%) che rappresenta il secondo valore più alto mai registrato dopo quello del 2013 (35,7%), confermando il processo di femminilizzazione nella vittimologia dell'omicidio ormai in atto ormai da oltre 25 anni (nel 1990 le donne rappresentavano appena l'11,1% delle vittime totali).
...Quindi, se abbiamo ben capito, l'allarme sociale è suscitato dal 31,9% di omicidi con vittime femminili, non dal 68,1% di omicidi con vittime maschili,
vero, EURES?..


PRESUNTI EPISODI DI FEMMINICIDIOsecondo la stampa del mainstream
(sfondo rosa per quelli in cui risulta confermato il movente passionale-relazionale nell'autore capace d'intendere e volere)
GIUDIZIO CRIMINOLOGICO E CLASSIFICAZIONE MOVENTE desumibili dalla stampa (il codice numerico individua la scriminante illustrata nel testo soprastante)
link che fornisce indizi su episodio/movente
(sfondo rosso per autore straniero correlato a movente passionale-relazionale)
EPISODI DI MASCHICIDIO
(sfondo colorato per quelli con movente relazionale-passionale - in azzurro: consumato; in celeste: tentato) (ove disponibili, sono indicati il nome della vittima e quello dell'autrice)
Paderno D. (MI), 2 gennaio - La 79enne Anna Pirotta, inchiodata in un letto dospedale da due mesi per unischemia, viene uccisa dal marito 76enne Gianfranco Bocciarelli che subito dopo si suicida: le era talmente legato che aveva confidato ai figli: se la mamma morirà, io la raggiungerò”
2



4

Caselle T. (TO), 3 gennaio - La famiglia Allione - il 66enne Claudio, la moglie 65enne Maria Angela Greggio, la suocera 93enne Emilia DallOrto - viene fatta sterminare dalla colf Dorotea De Pippo, per rancore professionale (era stata licenziata), per mezzo del convivente

Palermo, 4 gennaio - Nel corso di una violenta lite domestica il 39enne Richard Hakek viene ripetutamente accoltellato al torace dalla convivente 41enne Fabrizia Marzani
Catania, 7 gennaio - La 59enne Maria Concetta Velardi viene uccisa a colpi di pietra nel cimitero, mentre visita la tomba del marito; autore ancora ignoto; vi sono due uomini indagati e si sospetta il concorso di una donna
errore di rilevazione:
autore ignoto


Floresta-Raccuja (ME), 14 gennaio - Viene rinvenuto il cadavere mutilato di una donna, rimasta senza identità
errore di rilevazione:
autore e causa della morte ignoti

San Casciano (FI), 14 gennaio - L83enne Lina Nesi viene uccisa con un colpo di fucile dal figlio convivente 52enne Massimo Magazzini, che, subito dopo, si suicida con la stessa arma
ignoti movente e condizione psichica dellautore



Modena, 17 gennaio - Il 26enne ghanese Terry Manu viene ucciso a coltellate, per motivi donore, dalla fidanzata connazionale 22enne Norinda Bimpong, incinta di lui: non mi voleva sposare
Campi Bisenzio (FI), 17 gennaio - La 66enne Maria Angela Bellini e il 23enne Marco Albuzzani vengono uccisi a fucilate dal marito/padre 67enne Lamberto Albuzzani, che subito dopo si suicida con la stessa arma; ignoto il movente: che non si tratti di femminicidio è testimoniato dal fatto stesso che vi sia anche una vittima maschile


Roma, 18 gennaio - Per gelosia, una 37enne accoltella al petto, in casa, il convivente 41enne (prognosi riservata)
Pescantina (VR), 19 gennaio - Lex pornostar 43enne Federica Giacomini viene uccisa a colpi di mazza dal marito 56enne Franco Mossoni, il quale, in precedenza, aveva fatto irruzione in un ospedale vestito da Rambo
1



Rende (CS), 24 gennaio - Nel corso di una violenta lite domestica un 53enne viene accoltellato alladdome (prognosi riservata) dallex moglie
Castiglione dAsti (AT), 24 gennaio - La 37enne Elena Ceste viene uccisa dal marito 47enne Michele Buoninconti


1

Genova, 24 gennaio - Il 58enne Maarouf Larbi, originario del Marocco, viene accoltellato alla schiena, in moschea, dalla 56enne Maria Oppicelli: i due non si conoscevano e la donna aveva scelto a caso la vittima, per vendicarsi di un presunto torto ricevuto, giorni prima, da un altro maghrebino
Brugherio (MB), 26 gennaio - La 57enne Lucia Boccia viene uccisa per gelosia dal marito 64enne Vincenzo Zarba, che subito dopo simpicca



Pitigliano (GR), 29 gennaio - Durante una lite domestica, un uomo viene colpito al torace con paio di forbici dalla convivente rumena 30enne

Torino, 2 febbraio - Il 37enne Giuseppe Denaro viene ucciso con tre colpi di pistola, per gelosia, dalla convivente, di 14 anni più vecchia, Provvidenza Schifaudo
Località: Troia (FG) - vittima: la 42enne Zhanna Hashenko; autore: il 41enne Michele Mandara
errore di rilevazione:
fatto avvenuto il 30-11-2013; non pertinente alla statistica 2014

Santa Lucia di Serino (AV), 3 febbraio - La 63enne Anna Tavino viene uccisa a colpi di pistola dallex marito Alessandro Mariconda, che la accusava di avergli sottratto dei risparmi postali e che subito dopo si suicida con la stessa arma
3


Montagnana (PD), 4 febbraio - La 80enne Edda Rossetto - che da sette anni viveva attaccata a un respiratore, a seguito di ischemia cerebrale, viene uccisa dal marito 81enne Pietro Zaramella, che il giorno prima era stato dimesso dal Reparto di Psichiatria e che subito dopo simpicca
2



Mozzate (CO), 5 febbraio - Nel corso di una lite domestica un 64enne viene aggredito a coltellate dalla convivente 55enne
Milano, 11 febbraio - Nel corso dellennesima lite domestica la 48enne di origine ecuadoriana Vinueza Tanya Jomar viene uccisa a coltellate dal convivente 44enne egiziano



Varese, 20 febbraio - Durante una lite domestica, un 43enne viene accoltellato al torace dalla convivente che, mentre lui agonizza, si mette a guardare Sanremo in TV
Conegliano (TV), 24 febbraio - La 65enne Paolina Saporosi viene precipitata dall8° piano dal figlio psicolabile 35enne Moreno Coletti
1


Pantigliate (MI), 25 febbraio - La 77enne Carmen Filipazzi, da tempo malata di Alzheimer, viene uccisa a colpi di roncola dal marito 79enne Paolo Zaghi, che subito dopo simpicca
2



movente indeterminato

SantArcangelo di R. (RN), 28 febbraio - Il 30enne Silvio Mannina viene ucciso, dopo essere stato adescato con promesse sessuali, dalla 35enne Monica Sanchi in concorso col suo convivente 29enne albanese Dritan Demiraj
Roma, 28 febbraio - La 69enne Franca Pagnotta, da tempo sofferente di depressione, viene uccisa con una fucilata dal marito 76enne Francesco Chiofi, che subito dopo si suicida con la stessa arma
2


Mozzate (CO), 1° marzo - La 35enne Lidia Nusdorf viene uccisa, su commissione, dallex fidanzato 29enne albanese Dritan Demiraj: ispiratrice e mandante, per gelosia, è la nuova fidanzata delluomo, la 35enne Monica Sanchi
6



Agugliano (AN), 2 marzo - Il muratore disoccupato 33enne rumeno Dimitru Bordea viene sgozzato in casa dalla moglie 26enne Maria Andrada

Santerno (RA), 2 marzo - Durante una lite domestica il 45enne Salvatore Fraglica viene accoltellato alle spalle (prognosi riservata) dalla convivente 46enne Nunzia Pappalardo
Lampugnano (MI), 3 marzo - I due coniugi Giovanna Bicchierari, 70 anni, e Mario Nati, 72, decidono di farla finita, oppressi da motivi economici e di salute
2


Milano, 4 marzo - La dominicana 29enne Libanny Mejia Lopez viene uccisa a coltellate dallamante (sposato) 36enne salvadoregno Victor Hugo Menjivar Gomez



Cesano Maderno (MB), 7 marzo - Durante una lite domestica il 52enne Salvatore Marsilia viene accoltellato dalla moglie 49enne Maria Rosa Saitta e finito a martellate dalla figlia 26enne Jessica
Veroli (FR), 7 marzo - Al culmine dellennesima lite domestica la 46enne Silvana Spaziani viene uccisa dal marito 44enne Sebastiano Fedele


Vigevano (PV), 8 marzo - La 43enne Assunta Cignano viene uccisa a coltellate dal marito 71enne Francesco Albano; la donna aveva intrapreso una relazione extra-coniugale


Gualdo Tadino (PG), 8 marzo - Lex prostituta rumena 28enne Ofelia Bontoiu viene uccisa con un taglierino dal fidanzato connazionale e coetaneo Danut Barbu, che tenta anche il suicidio


Cene (BG), 10 marzo - La prostituta rumena 27enne Madalina Palade viene uccisa con un coccio di bottiglia dal cliente 37enne Isaia Schena, che poi tenta di suicidarsi


Segni (RM), 16 marzo - La 47enne Maria Manciocco viene uccisa a colpi di mazzetta da muratore dal marito 53enne Eraldo Marchetti; la coppia era in via di separazione da otto mesi


Firenze, 22 marzo - L88enne Nella Burrini, da tempo colpita da Alzheimer, viene strangolata dal marito 83enne Giancarlo Vergelli che, subito dopo, si costituisce
2



3

Casamerciano (NA), 23 marzo - Il 74enne Felice Paduano viene bruciato vivo, nella sua auto, dalla prostituta-rapinatrice 40enne Adelina Vecchione, che lo aveva adescato e poi narcotizzato a scopo di rapina

Rivalta (TO), 25 marzo - In una violenta lite domestica fra coniugi rumeni. il 55enne Vasile Baran viene accoltellato a morte dalla moglie 54enne Angela Baran
Livorno, 30 marzo - La 73enne Carla Barghini viene strangolata dal marito 84enne Mauro Signorini, in un contesto matrimoniale burrascoso


Finale Emilia (MO), 2 aprile - La 48enne moldava Valentina Paiuc vine uccisa a martellate dal convivente coetaneo albanese Astrit Kejvani, sofferente di grave depressione e che, subito dopo, si suicida schiantandosi in auto
1


Bottanuco (BG), 3 aprile - L82enne Maria Artale, costretta da un ictus su una sedia a rotelle, viene uccisa con un colpo di pistola dal marito 81enne Domenico Magrì, che subito dopo si suicida con la stessa arma
2


Siracusa, 3 aprile - La 76enne Elvira Leone viene strangolata, in casa sua, durante una rapina finita male: ignoto lautore
3


Catania, 5 aprile - La 36enne Giovanna Frosina viene strangolata, in casa, dal marito 59enne Salvatore Russo, affetto da depressione acuta e che poi tenta il suicidio ingerendo psicofarmaci
1


Frosinone, 5 aprile - Una 86enne viene colpita, in casa, con posacenere scagliatole dal marito psicolabile 86enne; morirà 17 gg dopo
1



Latina, 7 aprile - In un contesto matrimoniale logorato, un uomo viene accoltellato alla schiena, in casa, dalla moglie 56enne

Scalea (CS), 7 aprile - Nel corso dellennesima lite domestica il 75enne Giuseppe Ronco viene ucciso a coltellate dalla moglie 69enne Maria Mascetti
Roma, 9 aprile - La 64enne Maria Teresa Faravelli, ammalata di depressione, viene uccisa, insieme al figlio 38enne Alessandro, in sedia a rotelle dalla nascita, dal marito/padre 76enne Sergio Ruggeri che, subito dopo, si costituisce
2



Randazzo (CT), 9 aprile - Un 51enne è vittima di un tentato omicidio a opera della moglie 50enne che, per gelosia, prima lo ustiona con acqua bollente e poi lo accoltella
San Giuseppe Jato (PA), 9 aprile - Nellennesima lite domestica la 26enne Concetta Conigliaro viene uccisa dal marito 39enne Salvatore Maniscalco



Cartoceto (PU), 11 aprile - Il 48enne Stefano Silvestri viene ucciso in casa a calci e pugni dalla moglie 46enne Paola Battistelli

Somma L. (VA), 13 aprile - Il 72enne Antonino Faraci viene ucciso con tre coltellate al torace e un colpo di soprammobile in testa, dalla moglie 62enne Melina Aita, la quale simula una rapina in casa
Terni, 14 aprile - La 43enne Giuseppa Corvi viene uccisa a martellate dal marito 48enne Franco Rinaldi, dal quale si stava separando



Roma, 14 aprile - Un 48enne viene accoltellato (riportando disabilità permanente) sulla soglia di casa da un sicario tailandese ingaggiato per 3.500 dallex moglie 36enne
Pioltello (MI), 5 maggio - La 78enne Lucia Moragi viene uccisa a martellate dal marito 81enne Mario Zorzolo, da tempo oppresso dalla depressione
1


Ugnano (FI), 5 maggio - La prostituta rumena 26enne Andreea Cristina Zamfir viene seviziata e uccisa dal suo cliente, maniaco, 55enne Riccardo Viti


Fossano (CN), 6 maggio - La 47enne Silvana Allasia viene uccisa in casa, con due colpi di pistola, dal marito 53enne Vitantonio Gioia, da cui si stava separando



Serravalle Pistoiese (PT), 15 maggio - Un uomo viene raggiunto dal colpo di pistola sparatogli alla schiena dallex moglie 37enne che non accettava la separazione
Livorno, 16 maggio - l80enne Cosetta Barsotti viene sgozzata dal marito 85enne Luciano Rinaldi, affetto da Alzheimer, che poi tenta il suicidio con lo stesso coltello
1


Prato, 18 maggio - Una 26enne cinese viene strangolata dal fidanzato connazionale 31enne, per motivi di gelosia


Apricena (FG), 20 maggio - La 36enne Antonella Scirocco, che tradiva il marito, muore in circostanze non chiare; il suo cadavere decomposto verrà rinvenuto il 2 giugno; attualmente risulta indagato ma non imputato lex amante Antonio Cerrone
errore di rilevazione:
autore ignoto



Roma, 24 maggio - Un uomo viene accoltellato dallex moglie 60enne, la quale, oltre che di tentato omicidio, è imputata di stalking
Velletri (RM), 24 maggio - La 62enne Elide Cicchinelli viene strangolata in casa, a scopo di rapina, dal figlio 40enne pregiudicato
3



Savona, 28 maggio - Il 49enne Alberto Dupaloup viene accoltellato, in una lite domestica per gelosia, dalla convivente 36enne Roberta Bordone
Nocera S. (SA), 30 maggio - La prostituta 74enne Maria Ambra viene uccisa dal cliente psicopatico 52enne Nobile Izzo
1


Castelnuovo Val di Cecina (PI), 31 maggio - In un matrimonio già compromesso da anni, a 53enne Sandra Fillini viene uccisa a coltellate, in casa, dal marito psicopatico 56enne Roberto Barbieri
1



1

Mantova, 2 giugno - Il 67enne Giorgio Saggiani viene accoltellato alla schiena dalla moglie 55enne psicolabile (che faceva la psicologa e psicoterapeuta!) Maria Beatrice Genovesi, la quale aveva già tentato il suicidio
Misterbainco (CT), 6 giugno - Nel corso di una violenta lite domestica la 37enne Monica Timore viene accoltellata a morte dal marito 37enne marocchino Tarik Es Sabry



Santa Severa (RM), 6 giugno - Il 31enne Luigi Solano viene ucciso a sprangate vicino alla stazione ferroviaria: imputata la 34enne Samantha Del Signore - la quale era stata oggetto di avances da parte delluomo - in concorso col fidanzato coetaneo Maurizio di Bella e il 33enne Luigi Malizia
Borgomanero (NO), 9 giugno - La 59enne Susanna Mo, in corso di separazione, viene accoltellata a morte dal marito 56enne Maurizio Candiani, che subito dopo simpicca


Busto A. (VA), 10 giugno - L85enne Giuseppina Tripi, affetta da demenza senile, viene uccisa a coltellate dal nipote 48enne convivente Simone Impellizzeri, imbottito di psicofarmaci
1


Valposchiavo (BZ), 11 giugno - Viene ritrovato smembrato il cadavere della psicolabile 47enne Cosima Corinne Schütterle: inquirenti e valligiani ipotizzano un suicidio o una caduta della escursionista, che potrebbe anche essersi imbattuta nellorso M25
errore di rilevazione:
causa della morte sconosciuta




Biella, 13 giugno - Il 56enne Vincenzo Scerbo viene accoltellato in casa, con una mannaia (prognosi riservata), dalla convivente 50enne Camilla Delmastro
Motta Visconti (MI), 14 giugno - La 38enne Maria Cristina Omes viene uccisa a coltellate dal marito 31enne Carlo Lissi, il quale uccide anche i figli Giulia, di cinque anni e mezzo, e Gabriele, di 20 mesi


Canicattini Bagni (SR), 16 giugno - Al culmine di una lite domestica per motivi di gelosia, la 36enne Maria Ton viene accoltellata a morte dal marito 41enne rumenoTon Gheorghe Florin


Pietra Ligure (SV), 16 giugno - Nel contesto di un rapporto burrascoso, la 51enne Alba Varisto viene uccisa a calci, pugni e bastonate dal convivente più giovane di 18 anni Fabiano Visentini


Torino, 16 giugno - Lestetista algerina 46enne Lamia Saifi viene trovata strangolata nella sua casa
errore di rilevazione:
autore e movente ignoti


Fiorenzuola dArda (PC), 16 giugno - Nel corso di una violenta lite per gelosia, la 37enne Daniela Puddu viene lanciata giù dalla finestra dal convivente 35enne Dario Rizzotto



1

Olbia, 18 giugno - Un poliziotto 50enne viene colpito alla giugulare da un fendente sferrato con un collo di bottiglia da una 40enne inglese psicopatica
Grottaglie (TA), 20 giugno - Durante lennesima lite per gelosia, la 28enne Fiorenza De Luca viene uccisa con un colpo di pistola dal convivente 33enne Beniamino Ligorio


Siena, 22 giugno - La 76enne Simonetta Locatelli viene uccisa a colpi di mannaia dal marito 78enne Marcello Valacchi, che era depresso e che subito dopo si lancia dalla finestra
1


Caivano (NA), 24 giugno - La piccola Fortuna Loffredo, di 6 anni, precipita in strada da una finestra di casa; vengono repertate tracce di violenze sessuali; si indaga su una rete pedofila della zona (coinvolte anche madri)
errore di rilevazione:
è evidente che la pedofilia è fenomeno del tutto eterogeneo rispetto all’”uccisione di una donna in quanto donna”, essendo noto che essa è spesso agìta da donne e su piccole vittime maschili

Bernalda (MT), 26 giugno - L80enne Graziella Lupo muore con due coltellate; il marito 87enne Nunzio Grillo allerta la figlia, che chiama il 118 parlando di gesto autolesionista della madre; dopo 23 giorni il vedovo, indagato, simpicca
errore di rilevazione:
restano sconosciuti cause e autore



Castellaro (IM), 1° luglio - Al culmine di una lite domestica, il 42enne M.S. viene accoltellato (prognosi riservata) dalla convivente 43enne Felicita Moreno
Lusciano (CE), 2 luglio - L89enne Antonietta Di Luciano viene uccisa in casa a bastonate dal nipote 24enne Costanzo Baci, a scopo di rapina
3



San Cipriano dAversa (CE), 2 luglio - Durante una violenta lite domestica, un nigeriano 34enne viene accoltellato alladdome (prognosi riservata) dalla moglie connazionale 25enne
Ponte Valleceppi (PG), 6 luglio - La 24enne Ilaria Abbate viene raggiunta insieme al figlioletto di due anni e a unamica - dai colpi di pistola sparati dallex convivente 32enne Riccardo Bazzurri, che si suicida con la stessa arma: lei morirà 38 giorni dopo


San Nicola la Strada (CE), 9 luglio - La 39enne Olga Bereshchak, che faceva la colf-badante, viene trovata morta nel bagno della casa in cui viveva da sola, seminuda, con un bicchiere accanto; si cerca il fidanzato
errore di rilevazione:
autore e causa della morte ignoti


Torino, 16 luglio - La 59enne rumena Maria Ferencz viene accoltellata in casa dal figlio 29enne Alexandru Adriano Ferencz, il quale dichiara che glielha ordinato Dio o Satana
1


Erba (CO), 16 luglio - L89enne Luigia Castelnuovo, che da 15 anni lAlzheimer faceva urlare e delirare nel letto, viene uccisa con un colpo di pistola dal figlio 59enne Massimo Rosa, il quale, pur con quattro bypass coronarici, accudiva anche il fratello affetto da depressione
2



Prato, 17 luglio - In un matrimonio da tempo deteriorato, un 75enne viene avvelenato progressivamente, mediante un farmaco, dalla moglie 65enne
Ghezzano (PI), 27 luglio - L87enne Cesira Antonioli viene uccisa a colpi di pistola dal figlio 54enne Fabrizio Fruzzetti, da 14 anni in cura al Centro dIgiene Mentale
1



Anzio (RM), 28 luglio - Un giovane viene accoltellato alladdome (prognosi riservata) dallex fidanzata 20enne gelosa

Zagarolo (RM), 7 agosto - Durante un festino a base di droga e alcol, un 40enne viene accoltellato al torace (prognosi riservata) dalla compagna coetanea
Genova, 8 agosto - In un matrimonio segnato da reciproci tradimenti, la 38enne Mara Basso viene accoltellata dal marito 40enne Fabrizio Bruzzone, maresciallo dei Cc


Ostia (RM), 8 agosto - La 68enne Maria Ferrara, da tempo malata, vive col marito 72enne Filippo Pagano e il loro figlio 32enne, separato da una donna che vive nella stessa palazzina: il figlio accusa il padre di insidiare la sua ex; il padre spara prima a lui, ferendolo, poi alla moglie malata, poi a se stesso
2

oltre al movente eutanasico nei confronti della moglie, l’impeto omicida dell’uomo è rivolto principalmente contro il figlio (maschio)


Carugo (CO), 8 agosto - La 55enne Mariangela Moiola viene strangolata dal figlio 22enne disabile psichico Marcello Soriano, il quale trascorreva il tempo a potare le piante del giardino con le forbicine da unghie
1



Pompei (NA), 9 agosto - Un 41enne viene bersagliato dai colpi di pistola sparatigli da un sicario 17enne ingaggiato dalla ex moglie 39enne
San Fele (PZ), 9 agosto - In una vita segnata dal dolore e dalla depressione dovuti allautismo del figlio 32enne Luca, il padre 65enne amorevole e affettuoso(testimoniano i conoscenti) Vito Tronnolone uccide lui, la moglie 57enne Maria Stella Puntillo, la figlia 23enne Chiara e si suicida
2


Nulvi (SS), 11 agosto - L83enne Giovanna Serusi viene uccisa in casa a bastonate dal figlio 41enne Gianni Cadau


Sarzana (SP), 13 agosto - La 40enne Antonietta Romeo viene uccisa in casa con un colpo di pistola dallex marito 47enne Salvatore Iemma


Roma, 15 agosto - Viene rinvenuto, a Ponte Galeria, il corpo mummificato di una donna, ben vestita, senza documenti: dopo sei mesi verrà identificata nella turista tedesca Brigitte Wilke
errore di rilevazione:
non si è mai scoperta la causa della morte


Barberino del Mugello (FI), 16 agosto - La 30enne Jennifer Miccio viene travolta con lauto e uccisa dal 34enne Daniele Baiano, che subito dopo simpicca. La vittima, che della libertà e dell'irrequietezza aveva fatto il suo stile di vita, aveva avuto un figlio da un uomo 9 anni prima, si accompagnava col titolare di un bar e usciva col terzo uomo, che lha uccisa


Monasterace (RC), 18 agosto - La 31enne Mary Cirillo, che dopo 4 figli voleva separarsi, viene uccisa a colpi di fucile dal marito 30enne Giuseppe Pilato


San Giovanni la Punta (CT), 22 agosto - Era caduto in uno stato di depressione a seguito di una crisi coniugale e alle ripercussioni legate alle difficoltà di trovare unoccupazione; ma, in ogni caso, la sua figura è quella di un marito premuroso, di un padre affettuoso, mai preda di gesti inconsulti, in nessun modo violento: è la testimonianza della 44enne Giovanna Zizzo sul conto del marito 47enne Roberto Russo che, in preda a una crisi di sconforto, uccide nel sonno la figlia 12enne Laura, per poi tentare il suicidio
2


Grosotto (SO), 24 agosto - La 23enne Veronica Balsamo viene uccisa a colpi di pietra dal fidanzato 32enne Emanuele Casula


Oliena (NU), 24 agosto - In unimprovvisa lite domestica scatenata dallalcol consumato dalla coppia, la 36enne Sara Coinu viene uccisa a colpi di pistola dal convivente 39enne Sandro Mula, che subito dopo si suicida


Roma, 25 agosto - La 31enne ucraina Oksana Marteseniuk viene decapitata da colui che ospitava da un paio di mesi, lo psicopatico 35enne Federico Leonelli
1



1

Carlentini (SR), 26 agosto - Il 72enne Alfio Vinci viene ucciso nel sonno con 30 coltellate dalla moglie 69enne Sebastiana Ippolito - da tempo depressa per la perdita di una figlia -, che poi tenta il suicidio
Ivrea (TO), 26 agosto - Nel contesto di un matrimonio burrascoso la 31enne rumena Florica Boicu viene uccisa dal marito connazionale 43enne Jonel Agavriloaei, che poi si suicida



Torre del Greco (NA), 26 agosto - Un 60enne viene aggredito in casa a forbiciate e martellate dalla convivente 40enne Bianca De Martino
Ponsacco (PI), 27 agosto - Nel quadro di un matrimonio ormai logoro, la 74enne Maria Ricci viene accoltellata a morte dal marito 76enne Domenico Specchiulli, che subito dopo simpicca


Valmontone (RM), 31 agosto - Una 79enne viene strangolata in casa, a scopo di rapina, dal figlio 47enne pregiudicato
3


Tropea (VV), 4 settembre - Una 61enne tedesca viene trovata morta in casa dal marito: gli inquirenti ipotizzano un malore a causa del quale avrebbe sbattuto violentemente la testa
errore di rilevazione:
trattasi di incidente e non di omicidio


Palermo, 9 settembre - La 79enne Sebastiana Coppola viene uccisa in casa dal marito 80enne Salvatore Li Greci, affetto da demenza senile
1



Alghero (SS), 10 settembre - Il 52enne Pietro Girardi viene ucciso a coltellate, mentre dorme, dalla moglie 44enne Roberta Gasperini
Alatri (FR), 10 settembre - Erano separati ma continuavano a convivere nella stessa casa: in un simile clima esplosivo la 35enne Alessandra Agostinelli viene accoltellata a morte dal marito 37enne Emiliano Frocione, che poi tenta il suicidio



1

Roma, 12 settembre - Un 64enne viene aggredito per strada con coltellate alla gola e al corpo sferrategli da una 41enne
Davagna (GE), 13 settembre - La 46enne Barbara Carbone viene uccisa, in un raptus, dal 53enne psicolabile Remo Carbone, dal quale si recava occasionalmente per prestargli assistenza
1


San Giorgio del Sannio (BN), 16 settembre - Dopo 30 di matrimonio sereno e tre figli, lei decide di separarsi: la 49enne Elvira Ciampi viene accoltellata a morte dal marito 52enne Pasquale Mastroianni, che poi tenta il suicidio (si impicca, si avvelena, si accoltella)


Milano, 16 settembre - La 19enne Alessandra Pelizzi lascia il fidanzato 20enne Pietro Maxymilian Di Paola: lui lafferra e insieme precipitano dal 7° piano


Roma, 17 settembre - La 27enne Natascia Meatta viene uccisa con un colpo di pistola dallex convivente 36enne Alessandro Popeo


Torino, 19 settembre - Durante una lite domestica la 46enne rumena Teofilia Cramaro viene accoltellata a morte dal convivente 48enne albanese


Palazzolo sullOglio (BS), 22 settembre - Nel contesto di un matrimonio deteriorato, la 30enne Daniela Bani viene uccisa a coltellate dal marito 33enne tunisino Chaanbi Mootaz


Canino (VT), 22 settembre - Al culmine di una lite domestica la 48enne rumena Elena Spingu viene uccisa a coltellate dal marito connazionale 41enne Gheorghe Dimitri


Casella (GE), 24 settembre - Al culmine dellennesima lite domestica, la 30enne albanese Valmira Balliu viene accoltellata a morte dal marito connazionale 45enne Adrian Balliu


Roma, 26 settembre - La 49enne Daniela Nenni e il marito 57enne Mauro Micucci convivono da separati in casa: lei, pur con tre figli da accudire (di cui uno piccolo e un altro disabile), ha già una relazione con un uomo più giovane di 11 anni: il marito li sorprende insieme e li uccide entrambi a coltellate



Paliano (FR), 28 settembre - Un 35enne viene accoltellato al petto dalla fidanzata 28enne
Cattolica (RN), 4 ottobre - Al culmine di una lite per gelosia, la 27enne Ivana Intilla viene uccisa a coltellate dal marito 30enne Raffele Ottaviani, che subito dopo si suicida


Fiumefreddo Bruzio (CS), 6 ottobre - Nel contesto di una relazione tempestosa, la 56enne Maria Vommaro viene uccisa dal convivente coetaneo Francesco Garritano



Giugliano (NA), 7 ottobre - Durante una lite domestica il 36enne G.D.R. viene accoltellato alladdome, davanti al figlio 13enne, dalla moglie 35enne A.C.
San Giovanni Gemini (AG), 7 ottobre - La 27enne Concetta Traina viene uccisa a coltellate, insieme alla madre 71enne Angelina Butera, dallex fidanzato coetaneo Mirko Lema, che subito dopo simpicca



Tiglieto (GE), 17 ottobre - Il 67enne Armando Caneva, mentre dorme, si ritrova col cranio sfondato a martellate dalla moglie 66enne Maddalena Benvenuto
Milano, 19 ottobre - In una convivenza segnata dallabuso di alcool e droga per entrambi (nullafacenti), la 43enne Sonia Trimboli viene strangolata dal coetaneo Gianluca Maggioncalda


Comiso (RG), 21 ottobre - Al culmine di un dissidio per motivi economici la 37enne tunisina Sylvie Monjia Ayed viene uccisa dal padre 60enne Rafih Ayed
3


Catania, 26 ottobre - La 30enne Veronica Valenti viene uccisa dallex fidanzato, il 27enne senegalese Gora Mbengue


Terni, 28 ottobre - La 36enne Laura Livi, quandera ancora minorenne, aveva intrapreso una relazione con un uomo di 30 anni più anziano; 10 anni dopo lo sposa; dopo altri 10 e due figlie, ci ripensa: lui, il 66enne Franco Sorgenti, lammazza


Fucecchio (FI), 30 ottobre - In un matrimonio tempestoso, la 50enne Marinella Bertozzi viene uccisa dal marito 40enne Giacomo Benvenuti


Campoli Appennino (FR), 1° novembre - La 57enne Gilberta Palleschi, durante unescursione solitaria nei boschi, viene aggredita a scopo sessuale e uccisa dal 43enne Antonio Palleschi


Palermo, 3 novembre - La prostituta marocchina 38enne Fouzia Chaahid viene uccisa da un suo cliente 26enne



Napoli, 8 novembre - Un 53enne viene accoltellato per strada dallex moglie 44enne, che voleva altri 11 euro per il mantenimento
Cisterna (LT), 10 novembre - In un matrimonio tempestoso, la 36enne Tiziana Zaccari viene uccisa con tre colpi di pistola dal marito 38enne Antonino Grasso, che subito dopo si suicida


Sutri (VT), 11 novembre - La 31enne Brunilda Hoxha viene accoltellata a morte dal marito connazionale 54enne Agaj Asilan



Missaglia-Canzo (LC), 12 novembre - Durante unaccesa lite domestica un 56enne viene aggredito a colpi di machete dalla moglie 47enne

4

Piacenza, 15 novembre - Il 90enne Sebastiano Trogu viene massacrato a calci sulla testa dalla badante ecuadoriana: morirà due mesi e mezzo dopo

Nocera I. (SA), 15 novembre - Durante una violenta lite domestica un uomo viene ripetutamente accoltellato al torace (prognosi riservata) dall moglie 42enne

1

Veglie (LE), 16 novembre - Dopo lennesimo litigio, un 60enne beve un caffè avvelenato propinatogli dalla moglie 55enne, la quale viene sottoposta a Trattamento Sanitario Obbligatorio

Vibo Valentia, 22 novembre - Sul luogo di lavoro il 47enne Salvatore Lombardo rimane vittima di sette colpi di pistola, che lo raggiungono alla bocca, al polmone e alladdome, sparatigli contro, per motivi donore, dalla madre della fidanzata, la 50enne Caterina Cananzi
Ferlina (VR), 22 novembre - La prostituta rumena 46enne Venetita Niacsu viene strangolata per strada da un omicida sconosciuto per un regolamento di conti legato alla protezionee alle piazzedella prostituzione
4


Bologna, 25 novembre - Dopo 55 anni di matrimonio, l80enne Bruna Belletti vuole separarsi: il marito coetaneo Luciano Zironi la uccide con un colpo di pistola


Postiglione (SA), 30 novembre - Dopo la separazione, la 34enne Mariangela DAntonio ostacola pretestuosamente la frequentazione dellex marito 32enne Cosimo Pagnani con la loro figlioletta di 8 anni : lui la uccide a coltellate

Vibonati (SA), 30 novembre - Nel contesto di un matrimonio deteriorato, la 39enne Pierangela Gareffa viene accoltellata a morte dal marito 48enne Sandro Efisio Pili


Refrontolo (TV), 30 novembre - Allimprovviso il 63enne Sisto De Martin uccide in casa il figlio 24enne Cristian (ciò esclude la specificità del femminicidio) e la moglie 56enne Jocelin Raposon, per poi impiccarsi; sei giorni prima aveva rivolto a un suo conoscente una domanda completamente priva di senso
1


Licata (AG), 3 dicembre - La 20enne rumena Alina Condurache viene uccisa con due colpi di pistola dallex fidanzato 26enne Angelo Azzarello



Beinasco (TO), 4 dicembre - Un 63enne viene accoltellato in casa dallamica nigeriana 23enne Bakita Acira Okot, con la quale avrebbe tentato delle avances
Numana (AN), 9 dicembre - La 28enne rumena Paula Corduneanu, che voleva separarsi, viene uccisa a colpi di pistola, insieme al loro figlioletto di 5 anni, dal marito 38enne Daniele Antognoni, che poi si suicida


Mondavio (PU), 9 dicembre - La 46enne Rossella Iatesta tradisce il marito alla luce del sole: il 48enne Gino Ruggieri la uccide a bastonate e tenta il suicidio

Rapallo (GE), 10 dicembre - La 37enne Gisella Mazzoni e il marito coetaneo Alessio Loddo si stanno separando, ma litigano per laffidamento del figlioletto di 13 mesi: lui la accoltella a morte, poi si lancia nel vuoto col figlio in braccio


Palermo, 12 dicembre - La prostituta 62enne Anna Maria Renna viene trovata accoltellata, vestita, nel suo appartamento
errore di rilevazione:
autore e movente sconosciuti


Orosei (NU), 15 dicembre - La 32enne cinese Xia Lingfen viene uccisa in casa a colpi dascia dal marito connazionale 39enne Wu Xiaobo


Carini (PA), 17 dicembre - La 54enne Rosaria Simonetta, caduta in depressione dopo la perdita di un figlio di 8 anni, viene trovata suicida in casa: ci aveva provato altre due volte
errore di rilevazione:



Coriano (RN), 26 dicembre - In una lite domestica il rumeno 33enne Attila Hamzi viene accoltellato al torace dalla convivente Sabrina Descrovi

1

Como, 29 dicembre - Il 60enne Mauro Battistella muore per un attacco cardiaco dopo una lite domestica in cui sarebbe stato aggredito dalla moglie cubana 38enne Youniar Nolazco

L’analisi da noi condotta sui 112 casi (con 115 vittime) di decessi femminili per cause violente, occorsi in Italia nel 2014, – e indicati come prova di una presunta “emergenza femminicidio in Italia” (uccisione di una donna in quanto donna, compiuta da un uomo con l’implicita volontà di riaffermare un potere storicamente ineguale fra i Generi) – ha portato ai seguenti risultati:
  1. 18 casi (18 vittime): incapacità d'intendere e volere, preterintenzionalità;
  2. 11 casi (12 vittime): omicidio eutanasico;
  3. 6 casi (6 vittime): movente economico-patrimoniale, compresa rapina;
  4. 1 caso (1 vittima): movente di rancore maturato in ambito professionale, familiare-allargato, di vicinato;
  5. 0 casi (0 vittime): eliminazione di testimone
  6. 1 caso (1 vittima): omicidio su commissione (mandante donna)
  • 13 casi (13 vittime): errore di rilevazione (data del fatto, causa di morte accidentale, suicidio, sesso dell'autore ignoto);
  • 2 casi (2 vittime): pur essendo noti gli autori maschili degli omicidi, restano assai dubbie (anche perché si sono suicidati) le loro condizioni psichiche e resta ignoto il movente (in uno di questi due casi c'è stata una contestuale vittima maschile).
Pertanto, l’analisi criminologica certifica “soltanto” 62 donne (60 casi) uccise in Italia, nel 2014, da uomini capaci d'intendere e volere, e per movente passionale-relazionale.
La metà di quanto dichiarato da EURES-RAI

Peraltro, nello stesso anno, sono stati 51 i casi (51 vittime) di omicidi (consumati o tentati) compiuti in Italia da donne ai danni di uomini; di questi:
  • n. 1 vittima maschile: movente indeterminato;
  • n. 7 vittime maschili: n. 6: donne incapaci d’intendere e di volere; n. 1: preterintenzionale;
  • n. 1 vittima maschile: movente economico-patrimoniale, compresa rapina;
  • n. 2 vittime maschili: movente di rancore maturato in ambito professionale, familiare-allargato, di vicinato;
  • n. 40 vittime maschilimovente passionale-relazionale (di cui 10 uccise).
In questa macabra contabilità, le “poste” uguali e speculari si elidono a vicenda; per cui è corretto affermare che in Italia, nel 2014, sono state uccise, per movente passionale-relazionale52 donne “in più” degli uomini.


52 donne su una popolazione di oltre 30 milioni di donne costituiscono la seguente percentuale: 0,0001857389201
E' per questa percentuale che vengono dispiegati i 17 milioni di € in stipendi rosa nei centri antiviolenza.

Riassumendo, la specificità criminologica del postulato "femminicidio/femicidio" - uccisione di una donna in quanto donna* ad opera di un uomo - resta sconfessata laddove sia dimostrato, come fa questo quarto report annuale:
- che tale peculiarità non esiste nella misura in cui la casistica annovera svariati casi di "uccisione di una donna in quanto donna* ad opera di una donna" (relazioni lesbiche);
- che tale peculiarità non esiste nella misura in cui la casistica annovera svariati casi speculari - cioè nello stesso contesto relazionale - di uccisione (consumata/tentata) di un uomo in quanto uomo* ad opera di una donna.

*: la condizione "in quanto donna" / "in quanto uomo" ricorre quando sussistano i due fattori A e B (sopra nel testo) e siano escluse le scriminanti 1-6 (sopra nel testo).

Infine, un'annotazione curiosa: la casistica rivela che vi sarebbe un solo caso gnoseologicamente specifico di "femminicidio/femicidio" - secondo i parametri sopra individuati - e tale caso NON RIGUARDA, paradossalmente, il contesto domestico della vittima (omicidi familiari): si tratterebbe dell'uccisione di una donna ad opera di un uomo quale degenerazione (non motivata da rapina, ovviamente, né conseguenza di follia) di un rapporto sessuale mercenario.
La specificità risiederebbe nel fatto che la cronaca non annovera casi speculari (uccisione, consumata/tentata, di un gigolò ad opera di una cliente); tuttavia, anche questa ipotesi residuale sembra non reggere alla prova della casistica, poiché si annoverano casi in cui vittima è stato il cliente ad opera della prostituta (cronaca censurata in TV):
http://violenza-donne.blogspot.it/2010/09/svizzera-prostituta-accoltello-cliente.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2011/04/usa-prostituta-uccide-cliente-che.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2012/04/teramo-prostituta-uccide-cliente-con-22.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2012/10/adria-ro-prostituta-fracassa-cranio-al.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2013/06/milano-il-giallo-del-quarantenne.html
e dunque uccisi indubbiamente "in quanto uomini" (giacché non è concepibile il rapporto mercenario donna-donna: quindi il genere delle vittime era necessitato).
Si ritorna, perciò, all'obiezione insuperabile che abbiano esposto sopra, prima della tabella cronologica, alla lettera B: esistendo sia gli uomini che uccidono donne in quanto donne, sia le donne che uccidono uomini in quanto uomini (tutti casi rientranti nella pacifica e incontestata eziologia passionale-relazionale): o si ammette una specificità criminologica per entrambe le casistiche, o - elidendosi a vicenda le tipologie uguali e di segno contrario - la si esclude per entrambe le casistiche.

Nella premessa storica, abbiamo detto che la legge-"femminicidio" ha convertito l'omologo, pregresso decreto-legge: la motivazione per la decretazione d'urgenza era stata così espressa dal Capo dello Stato Giorgio Napolitano:
Il susseguirsi di eventi di gravissima efferatezza in danno di [sole] donne e il conseguente allarme sociale che ne è derivato, rendono necessari interventi urgenti volti a inasprire, per finalità dissuasive, il trattamento punitivo degli autori [uomini, ça va sans dire...] di tali fatti, introducendo, in determinati casi, misure di prevenzione finalizzate alla anticipata tutela delle donne ...
Ora, è d'obbligo chiedersi da quali fonti informative egli attingesse le sue certezze; infatti il decreto-legge, e la legge oggi:
  • prevede l'aggravamento di pena per la violenza sessuale commessa dal genitore: a "quale genitore" pensava Napolitano?.. forse gli sono sfuggiti questi genitori?..
  • interviene sui maltrattamenti in famiglia e sullo stalking commessi in danno di un minorenne o da uno dei genitori di un minorenne in danno dell'altro genitore: a quali violenze domestiche pensava Napolitano?.. forse non a questi 715 casi?.. A quali stalker pensava?.. forse gli sono sfuggite queste 508?..
  • prevede un aumento di pena per le minacce: a quali minacce pensava Napolitano?.. forse non a queste 285?..
Quali erano le fonti di Napoltano?
L'EURES?..
SeNonOraQuando?..
I TG di regime?.. "Quarto grado"?.. "Chi l'ha visto"?.. "Amore criminale"?..


Nella soprastante "Premessa storica" abbiamo citato la Convenzione di Istambul (richiamata nella relazione illustrativa della legge di conversione del decreto-femminicidio): la Convenzione torna in più punti sull'inaccettabilità di elementi religiosi o culturali, tra i quali il cosiddetto onore a giustificazione delle violenze, chiedendo tra l'altro alle Parti di introdurre le misure, legislative o di altro tipo, per garantire che nei procedimenti penali intentati per crimini rientranti nell'ambito della Convenzione, tali elementi non possano essere invocati come attenuante. Ora, poiché la Convenzione è stata concepita, come recita il titolo, per la prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica, se ne deve dedurre che l'onore debba necessariamente afferire alla sfera culturale di colui che, paventandone una lesione, pretenda di addurlo - con o senza il favore della legislazione o della giurisprudenza in base alla quale sarà giudicato - a giustificazione/attenuante del suo misfatto. Insomma: che si tratti dell'onore maschile che, asseritamente leso (effettivamente o potenzialmente) dalla condotta "disonorevole" della donna, debba essere ripristinato mediante la sua punizione. Andiamo, dunque, a verificare quali riscontri trovi nel nostro Paese tale "assunto di Genere", attingendo all'archivio della cronaca censurata dalla TV (cliccare sui link sottostanti):
http://violenza-donne.blogspot.it/2001/06/cara-non-ti-sposo-pi-e-lei-fa-uccidere.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2010/07/catanzaro-per-vendicare-onore-della.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2011/10/senigallia-domiciliari-per-la-presunta.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2012/05/gioia-tauro-rc-donna-ordina-marito-e.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2012/05/mazzarino-cl-ragazza-22enne-accoltella.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2012/05/livorno-marito-la-tradisce-e-lei-lo.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2012/10/schio-accoltella-gravemente-lamico-dopo.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2013/01/roma-suocera-accoltella-alla-gola-la.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2013/01/brescia-violenta-rissa-in-discoteca.html
http://violenza-donne.blogspot.it/2014/11/vibo-valentia-docente-ferito-colpi-di.html

Laddove si presume, ragionevolmente, che una legge varata dal Parlamento italiano, debba essere rivolta prevalentemente alla popolazione italiana, l'analisi statistico-criminologica degli episodi di cronaca svela, invece, il seguente dato:
  • percentuale di stranieri sulla popolazione maschile italiana (censimento 2011 - tutte le classi d'età): 6,54%;
  • vittime femminili, per movente passionale-relazionale, ascrivibili ad autore straniero (4 rumeni, 2 cinesi, 1 albanese, 1 marocchino, 1 tunisino, 1 egiziano, 1 senegalese, 1 salvadoregno) = n. 12, il 19,35% del totale.
Dunque, la propensione al "femminicidio" risulta, negli stranieri, tripla rispetto agli italiani.

In Sudafrica, fino al 1994 erano in vigore norme come quella qui raffigurata:
Tale sistema fu formalizzato negli anni che seguirono la vittoria del National Party nelle elezioni del 1948, riservate ai soli bianchi, e fu applicato con maggiore sistematicità durante il governo del primo ministro boero Hendrik Frensch Verwoerd.
Le scienze politiche e la Storia del Diritto hanno definito ciò:
apartheid












Ancora oggi, in Alabama
la Costituzione prevede che siano istituite scuole separate per bambini bianchi e di colore e che a nessun bambino sia permesso di frequentare la scuola dell'altra razza.
Le scienze politiche e la Storia del Diritto l'hanno chiamata:
segregazione razziale



L'attuale legge-"femminicidio" italiana, richiamata nella premessa storica, prescrive

all'art. 5:

lett. a): Il Piano [d'azione straordinario contro la violenza sessuale e di genere] [...] persegue [la] finalità [di] prevenire il fenomeno della violenza contro le [sole] donne [...];

lett. b): sensibilizzare gli operatori dei settori dei media per la realizzazione di una comunicazione e informazione, anche commerciale, rispettosa della rappresentazione di genere e, in particolare, della figura femminile [...]


lett. c): promuovere [nella] scuola [...] la sensibilizzazione, l'informazione e la formazione degli studenti al fine di prevenire la violenza nei confronti delle [sole] donne [...]

lett. d): potenziare le forme di assistenza e di sostegno alle [sole] donne vittime di violenza e ai loro figli attraverso modalità omogenee di rafforzamento della rete dei servizi territoriali, dei centri antiviolenza [...]

e all'art. 5-bis, 2° comma:

lett. a): [...] contrastare la violenza nei confronti delle [sole] donne;

lett. d): [...] raggiungere l'obiettivo previsto dalla raccomandazione Expert Meeting sulla violenza contro le [sole] donne - Finlandia, 8- 10 novembre 1999;

3° comma, lett. b): I centri antiviolenza e le case-rifugio, alle quali è garantito l'anonimato, sono promossi da [...] associazioni e organizzazioni operanti nel settore del sostegno e dell'aiuto alle [sole] donne vittime di violenza [...]



Come dovremmo chiamare tutto ciò?..














La magistratura con l'operazione "Mafia Capitale" e - solo dopo... - la politica, hanno smascherato i comitati affaristici ("Terra di mezzo") che gestivano il business dell'accoglienza degli immigrati; chissà cosa si scoprirebbe andando a esaminare, caso per caso, le roboanti cifre sulle donne assistite, propagandate dai Centri antiviolenza per giustificare all'opinione pubblica la propria (parassitaria) esistenza e i 17 milioni di € elargiti in stipendi rosa... Il dubbio è legittimo, se si pensa a come risultano drasticamente sgonfiati i dati sul "femminicidio" (con quattro report annuali), una volta sottoposti a uno screening criminologico rigoroso come quello del Centro Documentazione Violenza Donne.
Molto probabilmente - e come minimo - si scoprirebbe che i presunti "pericoli e persecuzioni domestiche" da cui sarebbero state "salvate" tutte quelle donne prese in carico, si risolvono in sussidi economici, assistenza legale e sistemazioni abitative, prestazioni che rientrerebbero nella normale routine istituzionale dei Servizi socio-assistenziali (sempre più falcidiati dalle esangui finanze degli enti locali).
D'altra parte, a chi abbia dimestichezza professionale con le prassi dei Servizi sociali, è abbastanza noto che molti casi di assistenza - che non si vogliono (per ragioni ideologiche) presentare come "aiuto alla Famiglia" nella sua integrità - vengono fatti passare per "aiuto alla donna e ai minori", in tacito accordo con le stesse assistite, le quali, prima simulano un conflitto domestico, e poi, una volta ottenuta la prestazione (sussidio, abitazione, ecc.), inscenano una provvidenziale riappacificazione col partner...
L'importante è salvare la facciata politicamente corretta: l'orco di casa, si sa, non può essere aiutato...
In fondo, è lo stesso, vecchio tarlo ideologico (le lupe perdono il pelo ma non il vizio...) che animava la ancor vigente legge-Turco: l'assegno di maternità per le madri casalinghe deve essere erogato (con enorme aggravio di costi di personale per i comuni) alla madre stessa: non può transitare - come avviene normalmente per l'assegno al nucleo gestito dall'INPS - attraverso la busta-paga del marito-padre-padrone...


Nessun commento:

Posta un commento

Print