9 novembre 2015

Finisce in manette a Grantorto (Padova) la regina delle rapine agli anziani: i carabinieri hanno arrestato la vicentina, M. C. P., 69 anni, ritenuta responsabile di 13 casi di rapina e furti, avvenuti dal mese di luglio in poi. Ma gli inquirenti ritengono che possano essercene anche degli altri. Con i soldi così "guadagnati" la donna correva poi al Casinò di Venezia.
La donna, originaria del Padovano e residente ad Arcugnano, si trova ora in carcere a Montorio Veronese: dovrà rispondere di rapina, furto pluriaggravato, uso indebito di carte di credito e anche lesioni. Quattro delle persone narcotizzate sono infatti finite in ospedale e uno è ancora ricoverato.
Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti la donna studiava la vittima e poi colpiva anestetizzandola. Dapprima studiava la possibile vittima, ne carpiva la fiducia, sia che fosse in un'abitazione o in un luogo pubblico (sale giochi, casinò, ospedali o bar), poi la distraeva per somministrarle, offrendole una bevanda, una forte dose di medicinali che la rendeva inerte e, infine, la derubava dei soldi o delle tessere bancomat.
In un caso la P. ha colpito anche al Casinò di Venezia dove, secondo quanto ricostruito, è entrata almeno 200 volte negli ultimi anni. In questo caso è riuscita ad "addormentare" un giocatore conosciuto al tavolo verde, al quale ha sfilato il portafoglio e poi con il suo bancomat ha effettuato un prelievo, per poi giocare quei soldi nella stessa serata.
Nelle province di Vicenza ha agito nel capoluogo, a Noventa, Grisignano, Thiene e Sandrigo e in quella di Padova a Carmignano, Piazzola sul Brenta ed Abano Terme e Grantorto. Proprio in quest'ultimo comune, giovedì scorso 5 novembre, la 69enne, da qualche giorno pedinata dagli uomini dell'Arma, è stata arrestata in flagranza di reato per l'ennesima rapina ai danni di una anziana: quest'ultima è stata trovata addormentata all'interno di un'utilitaria.

Fonte: http://www.ilgazzettino.it/VICENZA-BASSANO/VICENZA/rapine_anziani_vicenza_padova_venezia/notizie/1669706.shtml


Nessun commento:

Posta un commento

Print