26 giugno 2015

I carabinieri denunciano una donna di 56 anni di Mercenasco per maltrattamenti in famiglia: secondo l’accusa, la donna avrebbe infatti picchiato per mesi la madre 81enne. L’intervento delle forze dell’ordine è stato la fine di un incubo per la pensionata canavesana, sul cui corpo i carabinieri hanno trovato lividi e graffi immediatamente ricondotti al comportamento della figlia.

Le violenze sembra andassero avanti da molto, tanto che in paese sulle due circolavano voci oramai insistenti. Voci che però, secondo i carabinieri, solo la scorsa settimana avrebbero trovato conferma a seguito dell’intervento dei colleghi della stazione di Strambino al comando del maresciallo Antonio Foti.
Questi i fatti. Il rapporto tra la 56enne e la madre si sarebbe deteriorato nel tempo fino a portare l’una a picchiare l’altra. La scorsa settimana, sarebbe stato un preciso evento, però, a sollevare il velo sul dramma famigliare che si stava consumando in paese. La donna, poi denunciata, avrebbe infatti aggredito anche i vicini di casa.
La 56enne, descritta dalle forze dell’ordine come un soggetto facile all’ira, secondo una prima ricostruzione dei fatti, sembra appunto abbia creduto che i vicini mettessero in giro voci false sul suo conto. Da lì il tentativo di mettere le mani addosso anche a loro, senza riuscirci. Gli stessi, comunque allarmati da questo comportamento, hanno poi deciso di rivolgersi ai carabinieri.
I militari dell’Arma, giunti sul posto, e già al corrente delle voci che circolavano (grazie a un diretto interessamento e alle precedenti segnalazioni da parte delle istituzioni locali), hanno approfondito le indagini. Mentre la 56enne è stata accompagnata in caserma a Strambino, con l’aiuto degli assistenti sociali, i carabinieri sono andati dall’anziana. Sul corpo l’81enne presentava lividi e graffi, segni che sembra abbiano confermato quelli che fino a quel momento erano stati solo sospetti. L’anziana è stata quindi allontanata da casa in quanto le sue condizioni hanno richiesto cure mediche immediate.
La figlia, invece, si è vista contestare con una denuncia il reato di maltrattamenti in famiglia. Ai carabinieri, che le hanno chiesto il motivo di tale incomprensibile violenza nei confronti dell’anziana madre, la donna avrebbe risposto così: «Mia mamma metteva in giro la voce che la menavo, per questo motivo ho deciso di picchiarla».
Non si esclude, ma questo spetterà alla valutazione dei magistrati, che in futuro alla figlia venga limitata se non preclusa la possibilità di vivere accanto alla madre.
Fonte: http://lasentinella.gelocal.it/ivrea/cronaca/2015/06/26/news/botte-alla-madre-81enne-denunciata-1.11675452


Nessun commento:

Posta un commento

Print