22 luglio 2014

Calunnia l'ex per tenere
la figlia: madre a processo

Lo aveva denunciato in procura per maltrattamenti e perché non manteneva la famiglia; ma erano bugie. E le è arrivato il conto

VICENZA. Avrebbe cercato vendetta utilizzando la via giudiziaria, raccontando bugie agli inquirenti pur di ottenere ragione contro quello che subito dopo è divenuto il suo ex marito. Il motivo? Voleva separarsi, ottenere gli assegni e anche l'affido esclusivo della figlia. Ma il suo pressing si sarebbe rivelato un autogol.
La procura, con il pubblico ministero Pecori, ha chiuso le indagini a carico di Alessandra S. (le iniziali sono a tutela della figlia minorenne, altrimenti riconoscibile) - 43 anni, oggi residente a Monticello Conte Otto - che rischia di finire a processo per difendersi dall'accusa di calunnia.
Il suo ex marito, Paolo A., 46, di Vicenza, si costituirà con ogni probabilità parte civile per chiedere un risarcimento dei danni che sostiene di avere subito per le azioni giudiziarie della madre di sua figlia, che oggi ha nove anni e vive con il padre.
Nel 2010 il rapporto matrimoniale fra Alessandra (difesa dall'avv. Molinari) e Paolo (assistito dall'avv. Gozzi) era arrivato al capolinea.

link alla notizia:
http://www.ilgiornaledivicenza.it/stories/Home/802421_calunnia_lex_per_tenere_la_figlia_madre_a_processo/


Nessun commento:

Posta un commento

Print