5 luglio 2014


La storia di cui tutti parlano nel palazzo al Centro Direzionale è il classico triangolo: lui, lei, l'altra. Lui è un politico di primo piano (di centrodestra), lei è la moglie e l'altra è una giovane collaboratrice del consigliere.
È il racconto di un (presunto) tradimento scoperto e finito malissimo. La prima indiscrezione la riporta il Velino, poi la notizia rimbalza da un ufficio all'altro e si arricchisce di nuovi dettagli e particolari. Fino ai nomi, che sono noti ma che non pubblichiamo per rispetto della privacy.
Accade tutto poche ore prima dell'ultima seduta consiliare, che si è tenuta a metà settimana. Alla moglie del politico non va giù che la giovane collaboratrice trascorra molte ore della giornata con il marito.
La tensione, dunque, è già altissima e sarà il detonatore di una bomba destinata ad esplodere di lì a poco, quando per caso i protagonisti della vicenda si ritrovano insieme nello stesso ufficio, ai piani alti. Tutti e tre, in pochi metri quadrati. Così accade qualcosa di imprevedibile.
A scatenare il caos potrebbe essere stato uno sguardo, una battuta o qualche parola di troppo. Sta di fatto che in pochi istanti si passa dagli insulti alle minacce fino alle botte.
Un litigio rumoroso che attira l'attenzione di dipendenti curiosi e che si conclude, pare, nel peggiore dei modi: la corsa al pronto soccorso e parecchi giorni di prognosi per la giovane malcapitata, vittima della rabbia della consorte ufficiale.

http://www.ilmattino.it/NAPOLI/CRONACA/napoli.-lui-la-moglie-e-l-amp-39-altra-amp-laquo-triangolo-amp-raquo-in-consiglio-regionale-le-donne-si-picchiano/notizie/782223.shtml


Nessun commento:

Posta un commento

Print