16 giugno 2014

Una donna indiana è stata arrestata insieme a sei complici: aveva organizzato un piano che ha preso però la piega sbagliata


Era fuori di sé dalla rabbia perché il suo fidanzato l'aveva lasciata per sposare un'altra: ha deciso quindi di vendicarsi rendendolo impotente. Assoldati due complici, il piano è però andato oltre le previsioni, perché l'ex fidanzato è stato ferito così gravemente da morire. La storia è raccontata oggi dal quotidiano The Time of India.
Vijay Khadke, 26 anni, di Prem Nagar, è morto in seguito alle ferite riportate durante un agguato avvenuto per strada. Secondo il progetto diabolico architettato dalla sua ex, Sarita, due incaricati dovevano prenderlo in consegna in ospedale per poi praticargli un trattamento per procurare l'impotenza. Le cose, però, hanno preso una piega sbagliata, e quella che doveva essere una lieve aggressione ha avuto conseguenze fatali: troppo gravi le ferite: i killer - che avevano ricevuto poco più di 110 euro - lo avevano accoltellato al cuore.
A soli tre giorni dalla morte dell'uomo, la polizia ha dichiarato di aver risolto il caso arrestando Sarita e altre sei persone. La donna ha raccontato che la storia con Vijav durava da due anni, ma nel gennaio scorso lui l'aveva lasciata per sposare, il 30 maggio, un'altra ragazza.


Nessun commento:

Posta un commento

Print