4 maggio 2013

Nella serata del 3 maggio, ad Irsina,  i Carabinieri della locale Stazione hanno sorpreso in flagranza di reato, in un vicolo del centro abitato, una donna 59enne - di origini romene, in Italia da circa un anno - che, mediante minacce e percosse, stava costringendo un 68enne del luogo - vedovo, invalido civile e che vive da solo - a consegnarle la somma di 50 euro, ritenuta parte di un indebito compenso a lei spettante di 600 euro, preteso per aver svolto, per un breve periodo e sino a circa un mese fa, lavori domestici presso l’abitazione dell’anziano; il quale, in merito, già aveva provveduto a corrispondere alla donna quanto dovuto.

Il provvidenziale intervento dei Carabinieri è avvenuto a conclusione di un’attività informativa svolta dagli stessi nelle settimane addietro, che ha consentito di acquisire notizie ed elementi utili in ordine a reiterati analoghi comportamenti violenti della donna nei confronti dell’uomo, esasperato dai continui esborsi di danaro, tutti comunque ancora da accertare.
I Carabinieri, durante servizi di osservazione nei pressi dell’abitazione, si sono accorti dei lamenti dell’uomo, impossibilitato a difendersi poiché in precarie condizioni di salute, e sono prontamente intervenuti proprio quando la donna gli stava estorcendo con minacce e percosse il denaro. Dopo averla bloccata, la donna è stata condotta in caserma, mentre l’anziano è stato accompagnato presso la guardia medica, dove gli sono state riscontrate “escoriazioni al viso e alla mano destra”, con una prognosi di 3 giorni.
La donna è stata dichiarata in stato di arresto per lesioni ed estorsione continuate, e successivamente tradotta presso un’abitazione del paese - ove tuttora presta l’opera di collaboratrice domestica per un’altra famiglia - per essere sottoposta al regime degli arresti domiciliari, a disposizione dei magistrati della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Matera che coordinano le indagini.
Sono in corso ulteriori e delicati accertamenti dei Carabinieri finalizzati a delineare i diversi aspetti della triste vicenda che vede ancora una volta come vittima un anziano, tra l’altro indifeso, a causa, come detto, delle sue condizioni di salute.
http://www.trmtv.it/home/cronaca/2013_05_04/49645.html
IRSINA – Nella serata del 3 maggio ad Irsina i Carabinieri della locale Stazione hanno sorpreso in flagranza di reato in un vicolo del centro abitato una donna 59enne, di origini romene, in Italia da circa un anno, che mediante minacce e percosse stava costringendo un 68enne del luogo, vedovo, invalido civile e che vive da solo, a consegnarle la somma di 50 euro ritenuta parte di un indebito compenso a lei spettante, di 600 preteso per avere svolto per un breve periodo e sino a circa un mese fa lavori domestici presso l’abitazione dell’anziano il quale, in merito, già aveva provveduto a corrispondere alla donna quanto dovuto. Il provvidenziale intervento dei Carabinieri è avvenuto a conclusione di un’attività informativa svolta dagli stessi nelle settimane addietro, che ha consentito di acquisire notizie ed elementi utili in ordine a reiterati analoghi comportamenti violenti della donna nei confronti dell’uomo, esasperato dai continui esborsi di danaro, tutti comunque ancora da accertare. I Carabinieri durante servizi di osservazione nei pressi dell’abitazione si sono accorti dei lamenti dell’uomo, impossibilitato a difendersi poiché in precarie condizioni di salute e sono prontamente intervenuti proprio quando la donna gli stava estorcendo con minacce e percosse il denaro. Dopo averla bloccata, la donna è stata condotta in Caserma mentre l’anziano è stato accompagnato presso la guardia medica, dove gli sono state riscontrate “escoriazioni al viso e alla mano destra”, con una prognosi di 3 giorni. La donna è stata dichiarata in stato di arresto per lesioni ed estorsione continuate e successivamente tradotta presso un’abitazione del paese, ove tuttora presta l’opera di collaboratrice domestica per un’altra famiglia, per essere sottoposta al regime degli arresti domiciliari, a disposizione dei magistrati della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Matera che coordinano le indagini. Sono in corso ulteriori e delicati accertamenti dei Carabinieri finalizzati a delineare i diversi aspetti della triste vicenda che vede ancora una volta come vittima un anziano, tra l’altro indifeso, a causa, come detto, delle sue condizioni di salute.

© 2006-2013 Trm Radiotelevisione del Mezzogiorno.

Articolo completo: http://www.trmtv.it/home/cronaca/2013_05_04/49645.html
IRSINA – Nella serata del 3 maggio ad Irsina i Carabinieri della locale Stazione hanno sorpreso in flagranza di reato in un vicolo del centro abitato una donna 59enne, di origini romene, in Italia da circa un anno, che mediante minacce e percosse stava costringendo un 68enne del luogo, vedovo, invalido civile e che vive da solo, a consegnarle la somma di 50 euro ritenuta parte di un indebito compenso a lei spettante, di 600 preteso per avere svolto per un breve periodo e sino a circa un mese fa lavori domestici presso l’abitazione dell’anziano il quale, in merito, già aveva provveduto a corrispondere alla donna quanto dovuto. Il provvidenziale intervento dei Carabinieri è avvenuto a conclusione di un’attività informativa svolta dagli stessi nelle settimane addietro, che ha consentito di acquisire notizie ed elementi utili in ordine a reiterati analoghi comportamenti violenti della donna nei confronti dell’uomo, esasperato dai continui esborsi di danaro, tutti comunque ancora da accertare. I Carabinieri durante servizi di osservazione nei pressi dell’abitazione si sono accorti dei lamenti dell’uomo, impossibilitato a difendersi poiché in precarie condizioni di salute e sono prontamente intervenuti proprio quando la donna gli stava estorcendo con minacce e percosse il denaro. Dopo averla bloccata, la donna è stata condotta in Caserma mentre l’anziano è stato accompagnato presso la guardia medica, dove gli sono state riscontrate “escoriazioni al viso e alla mano destra”, con una prognosi di 3 giorni. La donna è stata dichiarata in stato di arresto per lesioni ed estorsione continuate e successivamente tradotta presso un’abitazione del paese, ove tuttora presta l’opera di collaboratrice domestica per un’altra famiglia, per essere sottoposta al regime degli arresti domiciliari, a disposizione dei magistrati della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Matera che coordinano le indagini. Sono in corso ulteriori e delicati accertamenti dei Carabinieri finalizzati a delineare i diversi aspetti della triste vicenda che vede ancora una volta come vittima un anziano, tra l’altro indifeso, a causa, come detto, delle sue condizioni di salute.

© 2006-2013 Trm Radiotelevisione del Mezzogiorno.

Articolo completo: http://www.trmtv.it/home/cronaca/2013_05_04/49645.html
[Cerca il termine: Irsina. Arrestata badante mentre picchiava e minacciava un anziano invalido del luogo] Irsina. Arrestata badante mentre picchiava e minacciava un anziano invalido del luogo

© 2006-2013 Trm Radiotelevisione del Mezzogiorno.

Articolo completo: http://www.trmtv.it/home/cronaca/2013_05_04/49645.html
Irsina. Arrestata badante mentre picchiava e minacciava un anziano invalido del luogo

© 2006-2013 Trm Radiotelevisione del Mezzogiorno.

Articolo completo: http://www.trmtv.it/home/cronaca/2013_05_04/49645.html
Irsina. Arrestata badante mentre picchiava e minacciava un anziano invalido del luogo

© 2006-2013 Trm Radiotelevisione del Mezzogiorno.

Articolo completo: http://www.trmtv.it/home/cronaca/2013_05_04/49645.html


Nessun commento:

Posta un commento

Print