17 aprile 2013

Alza il gomito e rientra dal sorpasso urtando una moto. Risultato: due ragazzi a terra per fortuna con sole escoriazioni e denuncia per guida in stato d’ebbrezza e omissione di soccorso. E’ successo ieri sera ad una donna di 69 anni, originaria della Germania e residente in Svizzera.
Secondo la ricostruzione dei carabinieri la donna, verso le 21:00, stava percorrendo viale Dante Alighieri di Luino in direzione Germignaga, alla guida della propria autovettura Citroen C5, con targa svizzera. Lungo il viale procedeva al sorpasso di una moto Ducati con a bordo due giovani, che viaggiava nello stesso senso di marcia a velocità moderata. Non avendo ultimato completamente la fase di sorpasso, la donna urtava la moto facendo cadere a terra i due giovani.
Nonostante questo la 69 enne non si fermava a prestare soccorso ai malcapitati e si dava invece alla fuga.
Per fortuna le condizioni dei giovani sono apparse subito non gravi: medicati presso l’Ospedale di Luino, sono stati riscontrati affetti da escoriazioni varie, con prognosi di 10 e 15 giorni.
Sul luogo dell’incidente è subito intervenuta una pattuglia dei carabinieri della Stazione di Luino che ha raccolto diverse testimonianze e, soprattutto, elementi utili per identificare l’autovettura del pirata della strada. Dopo nemmeno un’ora, grazie a una attenta ricostruzione dei movimenti dei veicoli nel centro – anche attraverso le telecamere del circuito cittadino – la Citroen C5 è stata rintracciata a Luino, ferma in Corso XXV Aprile. Nei pressi è stata identificata la conducente. 
Lo stato psicofisico della donna ha indotto i carabinieri a verificarne il tasso alcolemico. Il responso dell’etilometro è stato indiscutibile: 1,7 g/l. Ciò significa che al momento dell’incidente la 69 enne si trovava in stato di alterazione dovuta all’assunzione di bevande alcoliche.
La donna è stata denunciata a piede libero per omissione di soccorso e guida in stato di ebbrezza. E’ scattato per lei il ritiro della patente di guida, mentre il veicolo è stato sottoposto a fermo amministrativo.


Nessun commento:

Posta un commento

Print