1 marzo 2013

Ha ucciso la nonna di 83 anni per rubarle una collanina d’oro e con il fidanzato (che dal 2009 ha deciso di cambiare sesso sottoponendosi a cure ormonali ed ha già cambiato nome all’anagrafe) ha simulato una rapina.
Jessica Cavallini, una ragazza livornese di 21 anni, è stata arrestata insieme al compagno Andrea (Rosalia) Correnti, di 23 anni. Pesantissime le accuse: rapina e omicidio volontario pluri-aggravati. È accaduto a Livorno. La vittima si chiamava Maria Orfeo ed era stata aggredita il 13 febbraio nella sua casa di Antignano, quartiere alla periferia sud della città.
L’anziana era stata ricoverata all’ospedale per la frattura di un femore e altre ferite ed era morta dopo alcuni giorni. Prima però aveva fornito una descrizione dell’accaduto che aveva insospettito gli investigatori. «Stavo guardando la tv quando qualcuno mi ha messo un cappuccio in testa, mi ha strappato la catena d’oro che avevo al collo, e poi mi ha scaraventato a terra», aveva detto. Eppure nella casa della signora non risultava alcun segno d’effrazione. E la vittima aveva anche raccontato che pochi minuti prima nella sua casa c’erano la nipote e il fidanzato.
Gli agenti della squadra mobile, dopo alcuni giorni di indagini, hanno recuperato la collana in un compra oro della città e hanno individuato i giovani che l’avevano venduta: Jessica e Andrea. Durante le perquisizioni nella loro casa, sono stati trovati indizi su altri furti che i due avrebbero compiuto nella casa della donna, che pare fosse sottoposta anche a continui maltrattamenti.


Nessun commento:

Posta un commento

Print