28 marzo 2013

Ha dato alle fiamme il suo compagno, un cittadino marocchino, come lei senza fissa dimora, che però è stato salvato dal provvidenziale intervento della Polizia ferroviaria d Foggia. E’ accaduto nella tarda serata di ieri.
Gli agenti della Polfer del capoluogo dauno hanno arrestato una donna di 48 anni, Ersilia Montuori, italiana, originaria della provincia, con l’accusa di tentato omicidio. L’uomo, M.M., 52 anni, ha riportato gravi ustioni. E' stato trasportato dal 118 al pronto soccorso degli Ospedali riuniti dove gli sono stati assegnati 30 giorni di prognosi. 
Quando sono giunti sul posto gli agenti hanno visto una colonna di fumo che si alzava dalla zona meglio nota come 'Platea Lavaggio' vicino al muro di cinta che separa lo scalo merci da via Fortore. Quindi hanno notato una donna che camminava in fretta sui binari e l’hanno bloccata.
Ai poliziotti ha riferito immediatamente di aver dato fuoco al suo compagno cospargendolo di alcool. I poliziotti hanno trovato l’uomo per terra a pochi metri da un carro ferroviario in disuso. Era gravemente ustionato. Lì vicino la fitta vegetazione continuava a bruciare.
La donna, prima di essere portata in carcere su disposizione del pm della Procura Alessandra Fini, ha detto di essere consapevole del suo gesto e di essere stanca del suo compagno con cui viveva da lungo tempo.


Nessun commento:

Posta un commento

Print