2 dicembre 2012

RIMINI. Una ragazzina di 13 anni è stata vittima, alcuni giorni fa, di un brutto episodio di bullismo davanti all'ingresso del centro commerciale Le Befane. La notizia è stata resa nota solo oggi a seguito della denuncia dei cinque giovanissimi aggressori al Tribunale dei minori di Bologna.
I FATTI. In cinque, quattro ragazze e un ragazzo, hanno circondato la 13enne. Insulti, sputi, spintoni e schiaffi. Finché la ragazzina non è riuscita a scappare, rifugiandosi nel bagno del centro commerciale. Lì, per la tensione e le percorsse subite, è svenuta.
Solo dopo diversi minuti è stata soccorsa da una donna che l'ha trovata riversa in terra. Tutto, sembra, a causa di una bibita non finita e di un'occhiata 'storta' al gruppo.
A scatenare la violenza nei suoi confronti è infatti stato un motivo banalissimo: secondo la ricostruzione fornita dalla polizia e di cui sono filtrati nuovi particolari, raccontati dalla stampa locale, alla 13enne non andava di finire una bibita e aveva chiesto alle altre del gruppo se la volevano; loro avevano risposto di no e la ragazza, a loro giudizio, le avrebbe guardate male.
L'AGGRESSIONE. Solo questo sarebbe bastato a far scoccare la scintilla. Le cinque l'hanno accerchiata e hanno iniziato a insultarla, darle spintoni, schiaffi e a sputarle addosso. Poi le hanno anche rovesciato addosso la bibita e la volevano obbligare a inginocchiarsi per chiedere scusa.
Alcune amiche, testimoni dell'episodio, l'hanno aiutata a scappare. La giovane si è così rifugiata nel bagno del centro commerciale dove è scoppiata a piangere e poi, per la tensione, è svenuta.
A trovarla è stata, come detto, una donna che aveva chiamato il 118 e la polizia. Le indagini svolte dall'ufficio della divisione anticrimine, hanno permesso di identificare e denunciare (al tribunale dei minori di Bologna) le responsabili dell'aggressione che adesso devono rispondere di lesioni, ingiurie, minacce, violenza privata e omissione di soccorso.
Fonte notizia
Fonte notizia 2
Allarme polizia di Rimini sul bullismo femminile



Nessun commento:

Posta un commento

Print