6 novembre 2012

Una donna ha accoltellato il convivente alla gola, la scorsa notte, a Milano. Lo ha colpito mentre dormiva e poi è scappata, ma è stata rintracciata poco dopo dalla polizia e arrestata.
L’uomo, soccorso, è stato sottoposto a un intervento chirurgico per le lesioni alla giugulare e, secondo i medici, non è in pericolo di vita.
Il compagno ha riferito di essere stato colpito nel sonno, sul lato sinistro del collo. La ferita non era gravissima ma, secondo quanto riferito dalla polizia, tossendo, il ferito ha causato la rottura della giugulare, forse già lesionata. La polizia ha sequestrato un coltello da cucina di 21 centimetri. Nella coppia, a quanto si è appreso, le liti erano frequenti; i due, in passato, si erano anche separati ma poi erano tornati insieme.
Il fatto è accaduto alle 2 di notte in un condominio in via degli Apuli, nella periferia sud-ovest della città. La donna, una bosniaca di 34 anni, dopo aver ferito il compagno, un uomo di 53, è scappata fuori di casa in biancheria intima e sporca di sangue, rifugiandosi dalla portinaia. Era alterata, forse aveva anche assunto qualche sostanza psicotropa. La polizia, quando è giunta sul posto chiamata dal 118, l’ha arrestata ma alla fine, dato che il ferito, dopo l’operazione di sutura della giugulare all’ospedale S.Carlo, se l’è cavata con 15 giorni di prognosi, l’autorità giudiziaria ha deciso di accusarla di lesioni gravissime e non di tentato omicidio.
Fonte


Print