24 settembre 2012

Chiedeva l’elemosina con in braccio la figlia di soli due mesi. Questo quanto accaduto ieri mattina sul sagrato della Kolbe di viale Aguggiari, quando una ventenne di origini serbe e residente poco fuori la città ha iniziato a chiedere l’elemosina tenendo in braccio la piccola e chiedendo insistentemente ai passanti di darle qualche spicciolo, cosa che ha attirato l’attenzione dei tanti fedeli che si recavano a messa. Intorno alle 9.30 la giovane è stata notata da una pattuglia della Polizia Locale che ha condotto la giovane questuante nella caserma di via Sempione.
La ventenne è stata identificata e denunciata a piede libero per il reato di sfruttamento di minori a fini di accattonaggio. Ora oltre al carcere rischia che le venga tolta la custodia della piccola di soli due mesi.


Nessun commento:

Posta un commento

Print