27 agosto 2012

Una morte probabilmente per cause naturali consente alla polizia di rintracciare una giovane rumena ricercata per sequestro di persona e sfruttamento della prostituzione. E’ accaduto sabato a Perugia, zona San Sisto.
Sabato mattina un equipaggio delle Volanti è intervenuto a San Sisto, su richiesta del 118, per l’avvenuto decesso, per probabili cause naturali, di un perugino G. M. di 58 anni. Sul posto gli agenti hanno trovato una giovane rumena che ha riferito di essere ospite da qualche giorno del proprietario dell’appartamento e che nella mattinata si era allarmata perché il padrone di casa, dopo essersi addormentato nella sua camera, non si era risvegliato.
Sulla salma, che non presentava alcun segno esteriore di violenza, su disposizione del pm di turno, verrà comunque praticata l’autopsia.
Gli agenti hanno però voluto andare a fondo sulla presenza della donna, che ha detto di chiamarsi Madelina Mucanu, nata in Romania il 13.03.1981, ma di essere sprovvista di documenti. L’ispettore della polizia ha deciso quindi di portarla in questura e, dopo i rilievi foto-dattiloscopici, è emerso in effetti che il suo vero nome è Gheorghita Rosu, nata in Romania il 15.02.1980, di fatto in Italia senza fissa dimora.
A suo carico risultava poi un’ordinanza per l’esecuzione di una custodia cautelare in carcere emessa in data 28.07.2010 dal gip di Perugia per i reati di sequestro di persona e sfruttamento della prostituzione, relativa ad una indagine condotta dalla squadra mobile. Dopo gli atti di rito la giovane è stata quindi condotta in carcere.


Nessun commento:

Posta un commento

Print