11 agosto 2012


Nella serata di ieri, numerosi abitanti di una strada del centro storico di Massafra sono stati minacciati e aggrediti fisicamente da una donna 43enne di nazionalità rumena, che nell’occasione brandiva un grosso coltello da cucina. Secondo quanto appreso, l’esagitata straniera, avvezza all’abuso di sostanze alcooliche, già in numerosi precedenti circostanze avrebbe tenuto analoghi comportamenti aggressivi, spesso scaturiti da futili beghe condominiali o da innocenti comportamenti tenuti da minori che giocavano in strada.
Alcune delle vittime hanno prontamente richiesto l’intervento di una pattuglia della Polizia Municipale che si trovava nei pressi per un servizio di viabilità. I due agenti, entrati nell’abitazione della straniera per contenere la sua veemenza (e soprattutto per disarmarla), venivano violentemente aggrediti dalla donna con calci e pugni, tanto che è stato necessario allertare i Carabinieri. 
Nella circostanza una pattuglia del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Massafra ha immediatamente raggiunto il luogo dei fatti e assicurato la prevenuta che, nel frattempo, rischiava di essere “linciata” dai numerosi cittadini convenuti sul posto.
La rumena, ormai residente a Massafra da molti anni, è stata arrestata con l’accusa di violenza, resistenza e lesioni a P.U., nonché detenzione abusiva di arma bianca e minacce aggravate, quindi, condotta presso la casa circondariale di Taranto in attesa dell’udienza di convalida del provvedimento restrittivo.


Nessun commento:

Posta un commento

Print