11 maggio 2012

Manalapan (New Jersey) - Una baby-sitter rischia di passare 30 anni dietro le sbarre, dopo aver ammesso di aver aggredito sessualmente una bambina di 5 anni e di aver trasmesso  le immagini della violenza ad altri predatori grazie alla video-chat di Skype sul suo iPhone. Jennifer Mahoney, 33 anni, di Manalapan, New Jersey, si è dichiarata colpevole presso la US District Court di sfruttamento sessuale di una bambina che ha avuto luogo in almeno due occasioni nella sua casa.
“Non posso credere a quello che le sta accadendo. Lei è arrabbiata con se stessa” ha dichiarato l’avvocato difensore di Mahoney, Herbert Ellis, a NJ.com, dopo che la sua assistita si è presentata in udienza con una tuta rossa della prigione e una catena intorno alla vita. La donna rischia una condanna tra  15 e i 30 anni di carcere quando verrà condannata il prossimo 22 agosto, oltre a dover pagare un risarcimento alla vittima. Mahoney  ritiene che una condanna a 30 anni di carcere sarebbe appropriata, anche se il giudice avrà l’ultima parola. Sarebbe in libertà vigilata tra cinque anni, ma ha anche accettato di non ricorrere in appello.
link alla notizia:


Nessun commento:

Posta un commento

Print